giovedì, Agosto 18, 2022
22.3 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Ecco i tweet dell’evasore, e-book omaggio per gli abbonati

Da leggere

PRIMACOPTWEETdi LEONARDO FACCO

A Giugno ho pubblicato un libro intitolato “I Tweet dell’evasore”. Un divertisment” più che altro, stampato in solo 100 copie, esaurite subito, numerate ed autografate. Come promesso, agli abbonati di MiglioVerde (che oggi compie un mese di vita) viene regalato l’-ebook di quel titolo. Lo trovate allegato in fondo alla pagina, dopo l’introduzione che pubblichiamo qui di seguito.

INTRODUZIONE

Ricordate il motto “una risata vi seppellirà”? In vero, la frase completa – di matrice anarco-collettivista –  è la seguente: “La fantasia distruggerà il potere e una risata vi seppellirà”. Da quel che ricordo, ma vado a memoria, gli anarchici storici ponevano l’accento sulla prima parte della frase (ripresa pedissequamente anche dai loro “nipotini” nel secondo Novecento) per sottolineare la voglia di stravolgere i vecchi canoni della politica.

Successivamente, la frase è stata sintetizzata per la bisogna ed usata per sbeffeggiare le forze dell’ordine durante gli arresti e gli scontri di piazza. Un “vezzo” che si perpetua anche nel Terzo Millennio.

I tempi cambiano, le tecnologie si evolvono e alle piazze tradizionali si sono aggiunte anche quelle virtuali (i social network), le “Agorà” in cui milioni di persone si incontrano per i più svariati motivi, tra i quali anche quello di continuare a provare a “cambiare il mondo” e/o combattere, dice qualcuno, il potere.

Anche nelle piazze internettiane si irride l’autorità, ma la risata viene veicolata nei modi più svariati, persino a colpi di “LOL” e di emoticon varie. Ma per sorridere o sghignazzare serve pur sempre un messaggio, uno slogan, una battuta da scrivere su un qualche muro o bacheca. E i muri, come le piazze, sono diventati anch’essi digitali.

passerottoAl planetario successo di Facebook – il libro delle facce – s’è affiancato quello di “Twitter” che il Web definisce così: “E’ un servizio gratuito di social network e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri”. Un cinguettio insomma. E dalle “Sodomie in corpo 11” su carta siamo passati alle “risate in 140 battute” via byte.

Ridere è connaturato nell’essere umano, sin dalla sua apparizione sulla faccia della terra. Dice l’enciclopedia: la risata, o riso, è una manifestazione tipicamente umana, che fin dalla notte dei tempi ha sollevato interrogativi concettuali di natura filosofica, psicologica, fisiologica e comportamentale.

C’è chi ritiene che “il riso abbonda sulla bocca degli stolti”, chi lo considera “l’unica cura contro la vanità”: Qualcun altro ha affermato che “chi non sa ridere non è una persona seria”. Thomas Hobbes – padre del Leviatano – affermava che “il riso è una compulsione fisica prodotta dallo spettacolo inaspettato della nostra superiorità sugli altri”. Per René Clair – e qui mi fermo – “ridere è il vero segno della libertà”. E su questo pensiero si innesta il libro che avete per le mani.

Non so se davvero la risata sia anche terapica, sono però convinto che quando si arriva al punto che né la razionalità, né il buon senso riescono ad averla vinta sulla stupidità e la tirannia, allora non restano che due soluzioni: la violenza o l’ironia. Il potere, anzi gli uomini di potere sono tanto più ridicoli quanto più sono costruttivisti, quanto più si comportano da ingegneri sociali.

Hans Christian Andersen ci ha insegnato con una fiaba (intitolata “Gli abiti nuovi dell’imperatore”) come si fa a ridicolizzare un potere che vorrebbe governare e rappresentare e che invece si ripiega nel suo patetico narcisismo. Il cyberspazio e la tecnologia ci hanno fornito spazi e strumenti per continuare a farlo.

Dal famoso “il Re è nudo” all’odierno “una twittata li seppellirà” è cambiato poco. Soprattutto, perché ancora troppi continuano ad essere cortigiani.

SCARICALO CLICCANDO QUI SOTTO

LIBRO_TWEET_DELL’EVASORE_EBOOK_MIGLIOVERDE

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti