EUROBOND, LE LAMENTELE INSENSATE DI SPAGNOLI ED ITALIANI

di JUAN RAMÓN RALLO L’ultimo Consiglio europeo si è concluso con una profonda divisione tra Spagna e Italia da un lato e Germania e Paesi Bassi dall’altro. I primi vogliono dare impulso alla ricostruzione europea post-pandemica con una sorta di Piano Marshall finanziato con l’emissione di Eurobond (o coronabond); i secondi, invece, si oppongono a tale idea, ritenendo che spetti a ciascuno Stato membro determinare di quale tipo di stimolo ha bisogno la propria economia e, in ogni caso, chi pagherà per questo. Tanto per cominciare, nessuno dovrebbe essere troppo sorpreso dal fatto che la Germania e i Paesi Bassi si rifiutino di mutualizzare gli enormi problemi di debito pubblico previsti nei prossimi mesi. Basta guardare il grafico seguente per individuare due modi opposti di concepire e gestire il debito pubblico: dopo tutto, Spagna e Italia non solo hanno molti più debiti della Germania e dei Paesi Bassi (il paese transalpino raddoppia addirittura il volume del debito), ma dal 2013 alcuni hanno fatto uno sforzo…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche Denari