EUROPA, IL “NEW DEAL VERDE” S’È DIMOSTRATO UN FALLIMENTO ASSOLUTO

di DANIEL LACALLE Cosa succede quando i politici vedono che i loro mostruosi stimoli economici non hanno raggiunto il risultato? Estraggono il prossimo coniglio fuori dal cappello. Hanno bisogno di un nuovo slogan e di una nuova soluzione magica per far sì che i cittadini credano alla magia delle politiche sul lato della domanda, nonostante il costante fallimento dei piani di quello stesso tipo. L’esempio dell’Eurozona Nel 2008 iniziò un enorme stimolo per un “piano di crescita e occupazione”. Uno stimolo dell’1.5% del PIL per creare “milioni di posti di lavoro nelle infrastrutture, opere civili, collegamenti, e settori strategici”. 4.5 milioni di posti di lavoro sono stati distrutti e il deficit è praticamente raddoppiato. Questo è accaduto dopo la crisi perché tra il 2001 e il 2008, l’offerta di moneta nell’Eurozona è raddoppiata. L’Eurozona è stata una sequela di stimoli fin dal primo giorno. Il così detto “Piano Juncker” o “Piano d’investimento europeo”, salutato come la “soluzione” alla mancanza di crescita dell’Unione Europea, è stato…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere