domenica, Luglio 21, 2024
26.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

In Francia vince la destra? Arriva puntuale la violenza democratica dei comunisti!

Da leggere

di PIERGIORGIO MOLINARI

In Francia, dopo il successo elettorale della destra, piazze in rivolta con aggressioni, saccheggi e distruzioni – però in nome della lotta alla violenza fascista. Non so se l’avete notato, ma da vent’anni funziona così: mentre la sinistra che vince le elezioni è sempre “moderata”, “democratica”, o al massimo “liberal”, la destra è immancabilmente “estrema”, senza possibilità di gradazioni intermedie, e comunque “fascista” a prescindere.

Non solo: negli USA, finché la demenza senile di Joe Biden veniva nascosta e negata dai media, la sua età (81 anni) non era un problema: anzi, era la qualità del “nonno saggio”. Ma dopo che nel dibattito pubblico dell’altro ieri tale demenza è emersa plateralmente e Trump, 78 anni, rischia sempre più di vincere, all’improvviso “non se ne può più di questi vecchi” ed è inconcepibile che la democrazia americana “non riesca a esprimere niente di meglio”.

Più in generale, finché a vincere le elezioni (o a governare anche senza averle vinte, come fa di solito) è la sinistra, la democrazia gode ottima salute. Non appena a vincere le elezioni è una qualsiasi forza che non sia di sinistra, e magari tale forza pretende pure di governare in virtù del risultato elettorale, d’un tratto la democrazia è “in pericolo”. Poi quelli di sinistra si offendono se li disprezzi e li chiami comunisti.

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti