La Lega non candida alcun indipendentista arrestato. Accordo con Le Pen

di LUIGI CORTINOVIS Era solo una boutade elettorale, a quanto pare. Nessuno tra i secessionisti arrestati, tra Lombardia e Veneto, figura nelle liste presentate dalla Lega Nord per le europee, contrariamente a quanto annunciato dal partito. Tra gli arrestati, la proposta era stata fatta ad Alberto Zanardini, 65enne in carcere a Canton Mombello, nel Bresciano. Ma Zanardini ha ritirato la disponibilita’ che avrebbe manifestato in un primo tempo al vice segretario vicario della Lega lombarda, Stefano Borghesi. Stando a quanto riferisce il quotidiano del partito, capolista in tutte le cinque circoscrizioni il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, al secondo posto e’ candidato il professore ‘No euro’ Claudio Borghi, al Nord ovest; il sindaco di Verona, Flavio Tosi, al Nord Est; e l’eurodeputato uscente Mario Borghezio al centro. Confermata, invece, l’alleanza fra la Lega Nord e Marine Le Pen, siglata oggi tra i due responsabili di Lega Nord e Front National. I due sono giunti ad un accordo definendo  una strategia comune, in vista delle elezioni…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Cronache