LA SOCIAL-DEMOCRAZIA NON SALVERÀ I MILLENIALS, LO FARÀ L’ANARCO-CAPITALISMO

di ANTONY P. MUELLER Le prospettive per la generazione dei Millenials, quella che è nata a ridosso del Duemila, sono fosche. Il debito studentesco è solo uno degli oneri che hanno. Mancano inoltre posti di lavoro interessanti. Peggio ancora  sono le inclinazioni verso il socialismo che viene confezionato in modo attraente sotto l’etichetta di “più democrazia”. Tuttavia, c’è una soluzione. Questa via d’uscita è più capitalismo. Nella misura in cui il libero capitalismo funziona come motore di una maggiore produttività, il tenore di vita può aumentare. Il capitalismo crea ricchezza e promuove la prosperità. I Millenials non devono preoccuparsi quando il loro reddito dà loro un alto potere d’acquisto. Allora, anche una situazione di lavoro precario fornirà una buona vita, molto diversa dalla miseria generale che si otterrebbe con maggiore socialismo. La visione di un ordine anarcocapitalista con un’economia altamente produttiva e una società senza Stato contrasta nettamente con l’attuale sistema di governance socialdemocratico “liberale”, che si muove verso maggiore spesa pubblica, più debito pubblico,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere