LA OCASIO CORTEZ ORGANIZZA “LE PURGHE” CONTRO I SOSTENITORI DI TRUMP

di JIM HOFT La grande purga è stata una campagna di repressione politica nell’Unione Sovietica che si è svolta dal 1936 al 1938 . Ha comportato una repressione su larga scala dei contadini ricchi (kulaki) ed atti di genocidio contro le minoranze etniche; un’epurazione voluta dal Partito Comunista, dai funzionari governativi e dalla leadership dell’Armata Rossa: diffusa sorveglianza della polizia; sospetto di sabotatori; controrivoluzionari; reclusione; ed esecuzioni arbitrarie. Gli storici stimano che il numero totale di morti dovute alla repressione stalinista nel 1937-1938 sia compreso tra 680.000 e 1.200.000. Si tratta di un lungo elenco di individui firmato da Stalin, Molotov, Kaganovich, Voroshilov, Mikoyan e Chubar. La repressione è stata ufficialmente utilizzata per perseguire tutte quelle persone considerate controrivoluzionarie e nemiche del popolo dal leader dell’Unione Sovietica dell’epoca, Joseph Stalin. Ora, scopriamo che venerdì, i democratici hanno organizzato il “Trump Accountability Project”. I democratici stanno mettendo insieme un elenco di sostenitori di Trump da punire, nel caso riuscissero a vincere le elezioni. Si tratterebbe di una resa dei conti, che qualcuno ci spieghi come tutto…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo