LA STAMPA PARTIGIANA VUOL DISTRUGGERE GLI USA E LA CIVILTÀ OCCIDENTALE

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di GUILLERMO RODRIGUEZ Come e perché gran parte della stampa statunitense (e occidentale in generale) ha abiurato i fatti e ha abbracciato la propaganda? Da dove venivano i giornalisti di trincea radicali, determinati a imporre – a suon di censura e menzogne ​​- la loro “verità” rivoluzionaria? Perché la grande stampa negli Stati Uniti è una macchina agitpro neo-marxista? Da dove diavolo vengono e in quale inferno ci spingono? Avevamo la stampa partigiana, con mascalzoni come Walter Duranty elevati a idoli. Una certa forma di agitazione e propaganda si stava insinuando tra la stampa di parte, di sinistra. Ma era diverso ben da quello a cui assistiamo ora. I fatti, nel bene o nel bene – quando l’influenza dei Durant non prevaleva – venivano raccontati, presentati magari con un pregiudizio di parte, ma venivano raccontati. Ma, oggi, vediamo la stampa mainstream in guerra con la realtà, una guerra contro i fatti. Negare la realtà è, per definizione, follia. Jay Rosen: guerra contro ” bothsidesims” Se Jay Rosen fosse stato…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche ControPotere