L’INDIPENDENZA COME PROCESSO: CARTOLINE DALL’ISLANDA

di PAOLO L. BERNARDINI Tra gli anniversari, dimenticati o quasi, del 2018 da poco trascorso, vale la pena di soffermarsi sul primo dicembre. Siamo in Islanda. E’ un’isola felice? Su questo torneremo. Ma il suo caso è molto interessante perché la sua indipendenza è frutto di un processo molto lungo, e in generale la lunghezza del processo assicura (sembra una legge storica) la durata della medesima indipendenza, ovvero della forma di governo con la quale tale indipendenza è pienamente conseguita. Queste parole valgono – qui ed ora – soprattutto come auspicio per la Catalogna, e naturalmente per il Veneto. 1° Dicembre 1918. L’”Atto di Unione”, siglato da Islanda e Danimarca, crea un regno di Danimarca largamente autonomo, se non per la delega alla Danimarca per quel che riguarda difesa e affari esteri. Già dal 1874 però la Danimarca, passata da inizio Ottocento (1814) dal controllo norvegese a quello danese (di fatto il ritorno sotto una millenaria amministrazione), godeva di una forma amplissima di autogoverno, era…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo