Lira, casta e magistratura, ecco come fregare il Veneto

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di MAURO GARGAGLIONE Politica e parti sociali (sindacati e imprenditori parassiti), si sono mangiati la capacità produttiva e imprenditoriale dei cittadini italiani per mantenere in vita, a spese di questi, aziende ampiamente bocciate dal mercato che avrebbero dovuto fallire e licenziare migliaia di persone già tantissimi anni fa. Chi ci ha guadagnato e cosa? Politici: i voti. Industriali parassiti: quattrini. Sindacati: privilegi e potere. Lavoratori di quelle aziende: posto di lavoro intoccabile. Fino al punto di tracimazione, cioè finchè è terminata la capacità contributiva “reale” per cessata produzione di ricchezza delle aziende sane. Allora politica e parti sociali ad essa contigue, per garantirsi qualche anno di sopravvivenza, hanno alzato la pressione fiscale in modo spropositato per chi non può difendersi e messo nel mirino l’evasione fiscale (la chiamano così per non chiamarla col nome vero, confisca sotto mentite spoglie del risparmio accumulato dai cittadini e del loro patrimonio). Però questo disegno attuale, così come la fase precedente di ingessatura del mercato del lavoro, non può compiersi…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche Il Meglio della Settimana Palazzi & Potere