giovedì, Agosto 11, 2022
27.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

L’unione europea è un fallimento, ma insistono con la propaganda

Da leggere

ue  strappatadi MATTEO CORSINI

“Qualche giorno fa ho letto un articolo di Marco Piantini, che risulta essere Consigliere per gli Affari europei del Presidente del Consiglio (a proposito: ma quanti consiglieri ha Renzi?), denso di retorica modello “serve più Europa”. Ho quindi pensato di prenderne i passaggi più significativi (o meno insignificanti) e di darne un’interpretazione volta a togliere il tipico velo politically correct.”

La crisi che colpisce l’Europa dal 2008 avrebbe travolto le nostre economie senza lo scudo dell’euro, ma ha anche mostrato i limiti dell’architettura istituzionale dell’Eurozona. Occorre avere fino in fondo questa duplice consapevolezza: tanto dell’indispensabilità dell’Unione economica e monetaria, quanto della sua incompletezza nonostante i progressi fatti negli ultimi anni, quali il Meccanismo europeo di stabilità finanziaria e l’Unione bancaria.

Traduzione:

Anche se non si sa come sarebbe effettivamente andata, cominciamo col dire che senza l’euro sarebbe stato “pianto e stridore di denti”; probabilmente adesso saremmo tornati nelle caverne, per cui serve più Europa.

Se il quadro politico complessivo in Europa pone diversi ostacoli su quella via non possiamo però sottrarci alla responsabilità di un forte impegno per superarli. Non deve spaventare questa prospettiva, quanto in primo luogo stimolare a un maggior sforzo nell’informazione e nel dialogo con i cittadini.

Traduzione:

Nonostante la propaganda martellante, sempre più cittadini europei non sono entusiasti dell’Europa, ma questo non deve spaventarci, bensì indurci ad aumentare la propaganda.

Diverse volte in momenti di crisi, la Comunità prima e l’Unione poi ha saputo trovare motivazioni e slancio per ripensare il proprio funzionamento e per trovare soluzioni impreviste, ma coraggiose. Anche stavolta può essere così se saremo consapevoli che non esistono soluzioni facili per la definizione di una architettura istituzionale compiuta. Ma esistono battaglie politiche per le quali vale la pena spendersi a livello nazionale e a livello europeo. Ed esistono percorsi graduali e realistici, guidati da un comune senso di direzione, che puntino a superare diffidenze reciproche e resistenze di vario tipo.

Traduzione:

Far crescere il peso dell’eurocrazia non è stato sempre facile, ma finora ci siamo riusciti e, anche se non sarà facile, l’acquisizione di nuovi poteri è una battaglia politica che vale la pena combattere. Sarà il caso di pensare a percorsi graduali, dato che a forza di infinocchiare i cittadini europei la loro diffidenza è aumentata.

Volendo usare una formula, dopo il whatever it takes finanziario, occorrerebbe da parte delle Istituzioni comunitarie un whatever it takes politico. È ormai evidente infatti che l’unione monetaria, che ci fa da scudo rispetto a un mondo e a una economia sempre più globalizzati, per dare tutti i suoi frutti deve svilupparsi su due fronti: orientare le sue politiche verso la crescita economica e completare la costruzione di strumenti comuni di governo più efficaci e con maggiori garanzie di controllo democratico e di accountability.

Traduzione:

Se la BCE è disposta a fare qualsiasi manipolazione monetaria per cercare di tenere a galla un sistema gonfio di debiti impagabili, la politica non può starsene con le mani in mano. Da un lato deve smetterla di (far finta) di preoccuparsi di deficit e debiti eccessivi, dato che la BCE stampa euro a volontà monetizzando, sia pure indirettamente, quei debiti. Dall’altro deve arrivare a un’unione fiscale.

I quattro presidenti – di Commissione europea, Consiglio europeo, Bce ed Eurogruppo – presenteranno al Consiglio europeo di giugno un rapporto sul futuro della governance dell’Unione economica e monetaria. È auspicabile che il rapporto apra un più ampio dibattito su questo tema, solo all’apparenza di natura tecnica e riservato a cultori di temi istituzionali. E al di là della scadenza del Consiglio europeo di giugno si delinei una prospettiva più ampia. Il vero nodo politico è come costruire realisticamente quella prospettiva.

Traduzione:

I quattro presidenti diranno che serve più Europa. Sarà bene aprire un dibattito e far finta di voler coinvolgere anche chi subirà questi cambiamenti senza avere in realtà alcuna voce in capitolo. Il vero nodo politico è come convincere chi avrà da rimetterci.

Il rapporto dei quattro presidenti può essere una tappa importante per ribadire la necessità di profonde riforme in ciascuno Stato, e insieme per delineare un sistema di incentivi e sostegni; per proporre una capacità fiscale e di prestito autonoma per l’euro, che possa avviare politiche economiche anticicliche, e quindi sostenere attivamente l’economia (Unione di bilancio); per sottolineare che gli attuali squilibri interni all’Unione monetaria sono un rischio; per approfondire quanto può essere fatto a trattato vigente e con lo strumento delle cooperazioni rafforzate; per riprendere la riflessione sullo scenario dell’Unione politica; e soprattutto per avviare un rafforzamento della dimensione sociale e democratica della zona euro e dell’Ue nel suo complesso.

Traduzione:

L’ideale sarebbe convincere chi oggi è contrario ad andare verso un’unione dei trasferimenti a senso unico, in cui qualcuno paga sempre e qualcun altro incassa sempre. Meglio sarebbe con una tassazione su base europea e un debito messo in comune, in modo tale da poter aumentare il deficit senza problemi di divergenze nei rendimenti dei diversi titoli di Stato. I tedeschi devono convincersi che non possono continuare ad avere una bilancia commerciale in attivo per oltre 6 punti di Pil. Se poi, con tutte le apparenze democratiche del caso, si arrivasse a un’unione politica, tanto meglio.

Non è tempo per una vuota retorica, ma per completare la costruzione di un edificio ancora non del tutto compiuto, quello della democrazia europea. È un tema indispensabile per evitare che il processo di integrazione sia considerato dai cittadini europei come causa di problemi piuttosto che come parte fondamentale per la loro soluzione. Da questo punto di vista, è ineludibile che chi ha a cuore il tema della democraticità delle decisioni in ambito di politiche economiche parta dal rafforzamento del metodo comunitario, quindi del ruolo del Parlamento europeo, senza escludere una riflessione su originali modalità organizzative all’interno del Parlamento europeo stesso e con un migliore coinvolgimento dei Parlamenti nazionali per garantirne il controllo democratico su decisioni relative alla zona euro.

Traduzione:

Ovviamente anche se la mia è vuota retorica, lo nego, e riaffermo che serve più Europa. E’ indispensabile che i cittadini non percepiscano l’Europa come un problema, ma come una soluzione, quindi è necessario rimescolare le carte e inventare qualche nuovo trucco per far credere loro che con più Europa loro conteranno di più.

- Advertisement -

Correlati

3 COMMENTS

  1. Non dimentichiamo di ricordare la moneta europea: l’euro.
    In questo contesto RELIGIOSO (e’ una religione il komunismo) l’euro ha un ruolo come ha la particola per i cristiani. Lo dico con rispetto e non per denigrazione. E’ un esempio.

    Cosi’ sara’ difficile uscire dall’euro, cioe’ eliminare le particole dalla religione cristiana. Eliminare l’euro dalla religione komunista europea.

    Sembra che i KOMUNISTI (di ogni tempo) abbiano imparato proprio dalla religione cristiana, come si fa a fare proseliti, diciamo cristiani.
    Sempre detto e scritto per esempio e col dovuto rispetto. (Spero di essere compreso nel senso).
    Se notate sono un po’ troppo CULO E CAMICIA, qua ultimamente, vero o falso..?
    Gli SCOMUNICATI KOMUNISTI oggi vanno in chiesa e si comunicano… a proposito di euro. Oh, pardon, di particole.
    Chi si e’ convertito?
    Il komunista o il kristiano..?

    Pero’ poi eccoli: sono LAICI.

    Laico, democrazia, razzismo, solidarieta’ e ecc. (ma quante belle parole direbbe L. Rispoli) usate come se fossero note uscite da un PIFFERO incantatore di serpenti.
    Se poi le si esamina o le si legge con la “lente d’ingrandimento”, sono solo FUMO.
    Valori nei loro disk (piu’ o meno sempre i soliti, ma non ignoranti perche’ ripetitivi e propagandistici) NIET.
    Zucchero canta:
    …niente di nuovo…
    solo l’affitto e le tasse (ndr) per me…

    E noi cantiamo anche quest’altra che canta Gerardina Trovato:

    siamo pronti a farci male
    per difendere un’idea
    forse abbiamo paura
    ma non molliamo mai
    …siamo dei santi…
    piccoli gia’ grandi…
    …siamo quelli che ci dice la TV.

    Beh, che aggiungere altro..??

    Stiamo SOCCOMBENDO E NON LO SAPPIAMO:
    …siamo dei santi…

  2. Anche l’itaglia e’ stato un fallimento peggio di quello dell’europa, ma continuano con la propaganda. Si avvicina il 25 di aprile… teniamoci duri…
    Sono come i religiosi che ti invitano a pregare giornalmente se non ad ogni ora.
    Vivono e lavorano per la diffusione e il consolidamento della loro fede; per i loro totem e altre balle che la loro religione (il komunismo) vuole imporci.
    Ci sono poche religioni politiche e queste stanno per imporsi brutalmente una sull’altra nelle societa’ nostre specie occidentali (terreno super fertile dato lo sfacelo precedente e preparatorio) e i popoli ovviamente se ne stanno accorgendo, ma la propaganda e’ piu’ forte che mai.
    Spuntano indipendentisti ad ogni pie’ sospinto ma ocio che molti sono voluti proprio da quelli che di indipendentismo non ne vogliono sapere. Vale sempre il dividi et impera.
    Poi hanno creato societa’ dove siamo tutti uniti in stati ma tra noi siamo FORESTI: non ci si conosce nemmeno tra porte accanto.
    Siamo quindi UNO e INDIVISIBILE (perfortuna se no braccia da una parte e gambe dall’altra e via discorrendo) singolarmente dato che hanno DISTRUTTO L’ATOMO DELLA SOCIETA?: LA FAMIGLIA e i VILLAGGI o PAESI.
    Un tempo si era piu’ uniti perche’ in famiglia (adesso se vivi a 30 anni con i genitori sei un deficiente… secondo questi dottori in religioni false devi andare via dalla casa paterna e materna. Devi andare ad alimentare la loro fede, il BUSINESS e la loro RELIGIONE KOMUNISTA.
    E cosi’ spaccato l’ATOMO spaccata la societa’, come fanno quelli dell’ISIS con i monumenti storici: ikonoklasti super e idolatri del BUIO PESTO o del NULLA.

    Lo scrivevo: se distruggete la famiglia, atomo della societa’, distruggerete appunto la SOCIETA’ in particolare OCCIDENTALE.

    La conseguenza e’ che, ora lo si comprende meglio, si soccome meglio e piu’ rapidamente.
    L’INVASIONE IN ATTO DIMOSTRA LA NOSTRA DEBOLEZZA… O NO..?

    E la NOSTRA CONFUSIONE E’ ORMAI SENZA LIMITI..!

    Scrivevo anche, mi ripeto da bravo ignorante perche’ ripetente: SOCCOMBEREMO.
    Era in finale di ogni mio intervento. Poi smisi e ma non potei continuare e oggi lo ripropongo…

    SOCCOMBEREMO.

    Forse lo stiamo gia’ faccendo..??

    Siamo o no in pericolo..? Grazie ai “BUONI” che ci governano e che sono i figli dei rivoluzionari e francesi e russi..?

    Gia’, in comune questi hanno tantissimi morti… ma fanno propaganda come se i morti li avessero fatti solo quelli di parte opposta a loro.

    Sono camaleonti e criminali: e di guerra e di pace. Amen

  3. A questo piantini io chiederei : “parla come caghi che non si capisce un cazzo di quello che dici. Dimmi che cosa vuoi vendermi, senza giri di parole.”
    E se continuasse sul suo registro, me ne andrei senza esitazione invitandolo a raccontar le fregnacce a suo nonno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti