venerdì, Gennaio 27, 2023
4.5 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Non esiste più lo “scemo del villaggio” di una volta

Da leggere

di PONGO

Sì,  di sicuro c’è capitato di incontrarlo  seppure nei piccoli centri, nei paesi, la cosa è  vissuta più direttamente, sia nel bene che nel male.  Mi sto riferendo a quella figura alla quale, in fondo, ci si affeziona, e cioè allo “scemo del villaggio”.  Chi è lo scemo del villaggio?  E’  una figura potremmo dire un po’  romantica, è un individuo, una persona o meglio un personaggio, che tutto sommato rallegra  la vita dei suoi concittadini, lo si sopporta nonostante abbia, oltre ad una intelligenza limitata, talvolta comportamenti non gradevoli come per esempio urlare od anche urinare per strada  La gente del villaggio in fondo gli vuole bene e ciascuno indirettamente lo controlla e forse  lo aiuta. Ogni tanto i ragazzi e i bambini lo prendono in giro e lui si innervosisce e si arrabbia!  Spesso vive per strada seppure  una casa ce l’ha  e spesso parlotta o borbotta da solo. Magari dorme sulle panchine ma a differenza del barbone  non chiede soldi, perlomeno non direttamente.  E’ chiaro che nonostante questa mia descrizione generica  ci sono tanti “scemi del villaggio”, ciascuno con le sue caratteristiche ben precise,  c’è il completo idiota, il buffo, lo scemo ma buono, ecc.,  e ovviamente con mancanze di intelligenza ben differenti l’uno dall’altro.

Silvio Berlusconi, in un certo senso, è  “lo scemo del villaggio”. Poco intelligente e  carente come statista, incapace, bugiardo e autore di una tale miriade di idiozie dette e fatte nel pubblico e privato  che non basterebbe un’enciclopedia intera  per contenerle. Potrebbe bastarne una e ne vale per mille altre, quando per esempio qualche anno fa   durante la visita ad un Comune terremotato in Abruzzo si rivolse ad una  Assessore (Lia Beltrami) dicendole ad alta voce :

“Posso palpare un po’  la signora?”.  Ma, seppure questo prossimo  è solo  un dettaglio, per me potrebbe bastare la descrizione che mi è stata fatta da un’avvocatessa inglese  che ho conosciuto due mesi fa in Liguria, la quale mi diceva che talvolta a Londra  le capita di partecipare a riunioni o convegni con politici stranieri. Infatti le è capito a giugno di essere presente ad un pranzo con Enrico Letta e circa tre anni fa anche con Silvio Berlusconi. Ebbene mi ha confidato, sorridendo, che  durante il pranzo ed al momento delle foto ufficiali dei politici, Primi Ministri e  rappresentanti dei vari Paesi,  nessuno desiderava stare vicino a Berlusconi visto la fama che si è fatto per stupidate e monellerie improvvisate. L’ha visto coi suoi occhi.  Mi rendo conto che in fondo questi piccoli episodi  sono  sciocchezzuole ma a mio parere  significative.

E’ chiaro che se da una parte Berlusconi come politico  è chiaramente “lo scemo del villaggio”, dall’altra non lo è per nulla, anzi:  furbo, spietato e direi diabolico, sempre pronto a ripartire dalle sue stesse disgrazie che solo Lui si è creato.  Ma, seppure in questi prossimi giorni tutto si può sviluppare in chissà quale direzione, la Sua capacità di inventarsi perfidamente le dimissioni dei parlamentari Pd l è cosa veramente  incredibile. E  neppure Lui, secondo me, comprende le conseguenza  che accadrebbero,  perché non ne ha l’intelligenza, essendo lo scemo del villaggio. Con questo non voglio  per nulla salvare tutti  gli altri, quelli che non sono Silvio Berlusconi e che fan parte di un sistema  in gran parte rotto e marcio, ma l’idea di Silvio delle dimissioni di massa  può uscire solo da una testa bacata, incazzata ed invecchiata. Come è stato già detto, mentre Letta promuoveva l’Italia a New York, convincendo il mondo sulla nostra credibilità, il  buon Berlusconi  con un’idea clamorosa remava esattamente al contrario. Esattamente come quando nel ’94  fu Lui la  vittima di un avviso di garanzia mentre conduceva a Napoli il G7 sulla criminalità organizzata e  ne fu sconvolto. Ora ha usato lo stesso servizio che subì , come ha detto Letta, umiliando l’Italia.

Ma come ho detto all’inizio, “lo scemo del villaggio”, quello generico, viste le idiozie che fa,  è controllato, sorvegliato e tenuto d’occhio  dai suoi stessi  concittadini, per  il bene  della comunità  ed anche suo.

Ma qui la situazione è completamente ribaltata! Chi dovrebbe vigilare sul comportamento dello “scemo del villaggio”, in realtà è molto più imbecille dello “scemo”, vedi  i vari Schifani, Brunetta, Santanché, Verdini, Gelmini, Alfano e tutti i parlamentari Pd l che han firmato le dimissioni, con qualche eccezione, forse,  per Lupi e Quagliarello che ad oggi ( ma chissà i prossimi giorni che accadrà) han preso qualche distanza dalla cosa.  Addirittura e perfino a Mario Balotelli (straordinario calciatore a livello mondiale  ma altro scemo del villaggio, il cui capo è pur sempre Berlusconi) è stato detto in seguito alle tre giornate di squalifica, che se si ripeteranno intemperanza, liti e cartellini rossi, sarà allontanato dal Milan !  Ma come (?)  a   Balotelli sì mentre il leader del Milan e di del Pd l – Forza Italia può  fare tutte le cazzate che vuole per il male sia dell’Italia che del Suo partito?!  Vi prego, parlamentari pdellini –  forzaitalianini, trattate il vostro “scemo del villaggio” ,  che vi assicuro è il migliore al mondo, secondo  la  tradizione!  Se è lo scemo del villaggio, e lo è abbondantemente, visto che questo villaggio è purtroppo l’Italia,  perché  fate peggio di Lui?

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti