venerdì, Maggio 14, 2021
11.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Pandemia, l’Unione Europea copre le spalle all’Italia. Documenti secretati!

Da leggere

di REDAZIONE

L’Unione Europea, ormai un supestato canaglia, ha deciso di coprire le spalle all’Italia sulla pandemia. E la trasparenza, alla faccia delle idiozie scritte dal ministro (senza) Speranza italiano va a quel paese.

Come riportato dall’Agenzia di stampa AGI, divulgare i documenti che contengono le autovalutazioni dell’Italia sulla propria capacità di affrontare una pandemia “potrebbe minare l’interesse pubblico in termini di sicurezza pubblica”. O forse della sicurezza della banda di delinquenti che è al governo?

Con questo argomento la Commissione Europea ha negato a un giornalista, che ne aveva fatto richiesta il 22 febbraio scorso, l’accesso alle autovalutazioni triennali che gli Stati dell’Unione Europea devono obbligatoriamente inoltrare al Centro di Prevenzione e Controllo delle Malattie Infettive, un’agenzia della Commissione, in base  a quanto richiesto dalla Decisione 1082/2013 sulle minacce transfrontaliere.

“La divulgazione pubblica (di questi documenti, ndr), completa o parziale, potrebbe mettere a repentaglio le misure adottate dalle autorità italiane per rispondere all’emergenza sanitaria, quindi minare la protezione dell’interesse relativo alla sicurezza pubblica”, scrive la Commissione nella risposta letta dall’AGI e inviata nei giorni scorsi al cronista di Mediaset Giorgio Sturlese Tosi.

“Il documento richiesto – si legge ancora – contiene il questionario completo che consiste in una serie di domande che riguardano i piani di preparazione e risposta, monitoraggio e valutazione a serie minacce transfrontaliere per la salute pubblica”.  In seguito alla mancata risposta al giornalista, il team dei legali dell’azione civile portata avanti dai familiari delle vittime del Covid era riuscito a entrare in possesso delle informazioni attraverso un accesso agli atti al Ministero della Salute.

“Da un report pubblico del 2015 abbiamo appreso che l’Italia insieme a un altro Paese sia stato l’unico Stato Membro dell’Unione a non mandare le autovalutazioni sullo stato della propria preparazione in caso di minacce transfrontaliere, in modo particolare le pandemie, che si sarebbero dovute mandare entro novembre 2014. La conferma avviene anche dai documenti che abbiamo richiesto al Ministero. E questo nonostante i solleciti della Commissione Europea – dichiara l’avvocato Consuelo Locati che guida il team di avvocati – Siamo entrati in possesso delle ultime autovalutazioni disponibili inoltrate dall’Italia il 7 Novembre 2017. Si dichiara all’Europa che il piano pandemico è stato aggiornato l’ultima volta nel 2009”. 

E questo si aggiunge al fatto che dal 2006 non viene realizzato un piano pandemico (quindi compreso il governi di centrodestra), che non sono stati desecretati i verbali dell’ignobile CTS, che – soprattutto – hanno proditoriamente negato l’esistenza delle cure ad un virus influenzale, che hanno usato come scusa per annichilire la libertà di chi vive in questa infame penisola.

Correlati

1 COMMENT

  1. Maledetti criminali!!!! pagherete tranquilli.. il castello sta per crollare e voi rimarrete sepolti dalle vostre stesse menzogne.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli recenti