PANTE E ZONARO, L’ARTE VENETA SI È FATTA STRADA ANCHE NEL BOSFORO

di PAOLO L. BERNARDINI Per quelle strane vicende del destino per cui l’ispirazione porta spesso al superamento del modello, nel 1891 una coppia di veneti, Elisa Pante e Fausto Zonaro, si imbarcarono alla volta di Istanbul, spinti dalla lettura di un grosso volume di Edmondo de Amicis. Chi sono Elisa e Fausto, oltre ad essere prima allieva e maestro, poi moglie e marito? Lei una fotografa di estremo talento, che, dopo il primo soggiorno alla Sublime Porta, scelse di perfezionarsi a Parigi, con Eugène Pirou, in Boulevard Saint-Germain, una delle star del tempo. Lui, nativo della minuscola Masi, un artista tra i maggiori del gruppo dei Macchiaoli, anch’egli con alle spalle un buon apprendistato parigino. Il loro successo a Istanbul fu fenomenale, e Fausto divenne addirittura pittore di corte del Sultano Abdűlhamid II, fino all’avvento, nel 1909, dei Giovani Turchi, che lo deposero, costringendolo ad un tentativo di ripresa del potere che tra l’altro costò la vita a diecine di migliaia di armeni, che lo…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Rubriche CronacheVere