sabato, Ottobre 1, 2022
18.6 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Per renzi il tempo sarebbe il suo galantuomo

Da leggere

di MATTEO CORSINI

L’Istat ha pubblicato la prima stima sull’andamento del Pil nel secondo trimestre (+0.4% trimestrale e +1.5% rispetto a giugno 2016), e Matteo Renzi ha “sobriamente” commentato così la notizia: «Il tempo è galantuomo: basta saper aspettare. Oggi i dati ISTAT dicono che la strategia di questi anni produce risultati. Flessibilità, non austerity. Giù le tasse a ceto medio e imprese che investono. Scommettere sulla crescita, non sul declino. I risultati arrivano, il tempo è davvero galantuomo. Oggi sarebbe facile domandarsi: chi aveva ragione ad alzare la voce in Europa e a combattere per la flessibilità? Sarebbe facile, ma non servirebbe a nulla. Il passato è passato, la realtà ha smentito i gufi, la verità non si cambia con le fake news».

Ciò che Renzi non dice è che l’Italia, nonostante la “flessibilità” (che sarebbe bene chiamare col proprio nome, ossia “maggiore deficit”), la soppressione del costo del debito dovuta al Qe della Bce e prezzi delle materie prime tutto sommato contenuti, continua a crescere ben meno della media europea (+0.6% trimestrale e +2.2% annuo). E pazienza se Renzi, con il suo espediente retorico più utilizzato, dica sostanzialmente: «potrei dire che avevo ragione io, ma non lo faccio». Ovviamente facendolo. E ritirando in ballo perfino i “gufi”, ricorrendo al linguaggio ornitologico dei giorni in cui era più tronfio e con le terga sullo scranno di palazzo Chigi.

Il vero problema è che Renzi (essendo peraltro in folta compagnia) è convinto che tramite più deficit si possano risolvere i problemi dell’Italia. Il suo “Tornare a Maastricht” ne è la prova evidente. Ma un deficit appena sotto il limite del 3% del Pil, cosa che peraltro non sarebbe desiderabile, non è neppure sostenibile se si inende ridurre (e non aumentare ulteriormente) il rapporto tra debito e Pil. Azzerando l’avanzo primario, e considerando che il costo del debito non dovrebbe scendere sotto il 3.8% del Pil (lo stesso governo stima questa cifra con orizzonte 2020, il che significa che non si tratta di un numero pessimistico), servirebbe una crescita nominale del Pil dello stesso livello solo per stabilizzare il rapporto tra debito e Pil. Un numero che appare poco credibile da raggiungere, a maggior ragione se le condizioni economiche internazionali dovessero peggiorare.

Effettivamente il tempo è galantuomo, e prima o poi sarà evidente che con manovre in deficit non si fa altro che andare a sbattere. Peccato, però, che a pagarne le conseguenze non sarà il keynesiano di Rignano.

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

  1. 2400 miliardi di debito pubblico, un dato in difetto che posso assumere come sufficiente.
    Ammettiamo che a bocce ferme il governo riesca a mettere da parte 20 miliardi all’anno per ridurlo del 50%.
    Obbiettivo 1200 miliardi.
    Tempo previsto, ripeto a bocce ferme, 60 anni.
    Innanzitutto occorre fermare le bocce e ridurre la spesa pubblica.
    Poi, lasciare che l’economia e il risparmio privato crescano.
    Mi fermo immediatamente.
    Le bocce non si riusciranno a fermare.
    Cosa dice del tempo galantuomo il renzi?
    Si riferirà , forse, a fatti privati, e familiari.

  2. Ma davvero stiamo a perdere tempo con l’italico Renzi? E cosa avrebbe di diverso da Berlusconi?
    E’ dal 1992 che è una presa in giro continua, prima Berlusconi, il cui unico scopo era stoppare l’indipendenza della Padania, poi Prodi, che faceva le stesse identiche cose di Berlusconi (balle a iosa, spesa pubblica, tasse in aumento, debito pubblico in aumento, burocrazia) compreso entrare in Europa e adottare l’Euro senza uno straccio di referendum, fosse solo consultivo ma con una bella tassa per l’Europa, poi Berlusconi, poi i governi non votati non eletti. Se vi raccontassi senza citare le date i provvedimenti, le tasse, il parlamento esautorato che si limita ad approvare decreti scritti e decisi altrove di un anno di legislatura fareste fatica ad indovinare chi era al governo.
    Ora il Pd ha mostrato anche ai più limitati mentalmente i suoi limiti e la sua disonestà? Bene, riecco Berlusconi, praticamente lo stesso e Salvini che vuole pure allearcisi….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti