Prima di tutto uscire dallo Stato italiano, con o senza euro

di GILBERTO ONETO La Lega  di Salvini si sta impegnando allo spasimo nella lotta contro l’Euro e contro l’Europa dei grandi maneghetta di Bruxelles. È sicuramente una battaglia “popolare”, nel senso che tocca uno dei più sensibili nervi scoperti della nostra gente impoverita dalla moneta unica e tartassata dalle imposizioni e dalla burocrazia comunitarie che si sommano a quelle italiane. È perciò un argomento che “tira” in termini di consenso e Salvini fa benissimo a cavalcarlo. Il nuovo Segretario ha un problema assolutamente prioritario  da risolvere: il raggiungimento del quorum del 4% alle prossime elezioni europee e ritiene – piuttosto giustamente – di potercela fare con questo tipo di argomentazioni “di pancia”. Deve assolutamente riuscirci pena la fine di ogni possibilità di sopravvivenza, e di continuare a combattere anche le battaglie più nobili sull’identità e sull’indipendenza, che oggi sono sciaguratamente accantonate dalla Lega ma che – senza Lega – potrebbero annullarsi del tutto. Sbaglia chi crede che la  sparizione della Lega dal quadro politico aprirebbe…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche Gilberto Oneto Il Meglio della Settimana L'Editoriale