Rimborsopoli in Regione Lombardia, spese assurde da destra a sinistra

di CARLO CAGLIANI Aldilà della vicenda penale, che verrà sicuramente discussa con gli eventuali rinvii a giudizio che chiederà la procura, fa gridare vendetta il comportamento degli “eletti del popolo” in Regione Lombardia. Nella richiesta di archiviazione per una ventina di ex Assessori del Pirellone, la Procura osserva che le leggi non consentono di attribuire alle spese da loro effettuate “un disvalore penale”. Infatti, argomentano, “alcune spese, pur caratterizzate da inopportunità, sproporzione o incongruenza contabile, sono astrattamente riconducibili alle tipologie e causali di spesa consentite dalle regole vigenti”. Capito? Come dire, spese assurde ma loro si erano fatti una norma per sfangarla. In questi casi i pm spiegano che potrebbe configurarsi una responsabilità contabile davanti alla Corte dei Conti, ma non “una condotta consapevolmente appropriativa, finalizzata esclusivamente al soddisfacimento di un interesse personale”. Nel documento, i pm segnalano alcune di queste spese “connotate da circostanze anomale, singolari o che rendono quantomeno inopportuna la spesa”, “ad esempio documenti fiscali, rilasciati nella maggior parte dei casi da…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Cronache