RIVOLTE IN IRAN, UN COPIONE CHE ABBIAMO VISTO E RIVISTO

di CAITLIN JOHNSTONE Due settimane fa, è trapelato un memo da dentro l’amministrazione Trump, che mostra come il Segretario di Stato e neofita di Washington DC Rex Tyllerson è stato edotto su come l’impero americano usa i diritti umani come scusa per attaccare e rovesciare i governi che non si piegano. Politico riporta: “Il memo del 17 maggio appare come un corso accelerato per un uomo d’affari trasformatosi in diplomatico, e la sua conclusione offre una visione crudamente realistica: gli USA dovrebbero usare i diritti umani come una clava per colpire i propri avversari, come l’Iran, la Cina e la Corea del Nord, e nel frattempo lasciar correre con gli alleati, come le Filippine, l’Egitto e l’Arabia Saudita. Gli alleati dovrebbero essere trattati in modo diverso e migliore dei nemici. Altrimenti finiremo con meno alleati e più nemici. Riporta il memo scritto da Brian Hook, il potente assistente di Tyllerson”. Con quello che sarebbe il tempismo perfetto per una commedia se non fosse così spaventoso, l’Iran è stato…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo