Articoli esclusivi per i nostri abbonati

ROBERT DESNOS, IL SURREALISMO ASSOLUTO E LO STATO CRIMINALE

di PAOLO L. BERNARDINI Non è raro che si parli di Robert Desnos, in rete riaffiora spesso, come un piccolo, fragile, coloratissimo pesce della Senna, e tuttavia, mi pare, la sua fama non è grande quanto la sua opera, e la sua vita. Questo non ostante la sua vasta influenza, ben al di fuori dei…

L’ITALIA NON HA PROPRIO ALCUN FUTURO, COLPA DELL’IGNAVIA DEGLI OPPRESSI

di LEONARDO FACCO Personalmente, continuo ad essere convinto che l’Italia non uscirà mai più dalla crisi, nonostante i ridicoli tentativi dei suoi laudatori tricoloriti, sia di destra che di sinistra: questione di cultura e mentalità, che garantiranno un declino lungo e inesorabile. Per la cronaca, è dal 2009 che ci azzecco, nonostante le dichiarazioni tonitruanti…

GUADÓ ARRINGA ANCORA I VENEZUELANI: IL 16 NOVEMBRE TUTTI IN PIAZZA

di MARIETTO CERNEAZ Juan Guaidó, presidente interino del Venezuela (che molto smalto e credibilità ha perso), ha incontrato diversi leader politici, professori e membri della società civile a Maturín, nello stato del Monagas, da dove ha ribadito l’appello a scendere per strada il prossimo 16 novembre. “Eccoci qui e continuiamo a mostrare i nostri volti…

SENZA STATO E SENZA GOVERNO, TRE POSTI CHE FAN SOGNARE I LIBERTARI

di CHARLIE PAPINI In un mondo statalista, l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) è deputata a far due cose: vivere alle spalle dei contribuenti e conteggiare quanti Stati esistono sul pianeta. Oltre, ovviamente, a dare un seggio al Venezuela tra i membri che controllano se i diritti umani verranno rispettati nel mondo. Dall’ultimo resoconto fatto, L’ONU…

VIVA IL PARTITO DEI VENETI, MA ANCHE NO!

di ENZO TRENTIN Sabato 19 ottobre, al Palageox di Padova, i partecipanti a dieci sigle di movimenti sovranisti, nazionalisti, autonomisti, indipendentisti, al grido di: “Autogoverno!” hanno sancito la nascita del Partito dei Veneti, e ne hanno sottoscritto il manifesto politico. I toni sono entusiastici e promettenti, tuttavia in altri ambienti indipendentisti veneti qualcuno ha obiettato,…

ELEZIONI IN SPAGNA, PIENO DI VOTI PER GLI INDIPENDENTISTI BASCHI E CATALANI

di MARIETTO CERNEAZ La Spagna non ha una maggioranza e gli indipendentisti e autonomisti (baschi e catalani) ottengono 37 seggi! JuntsxCat, Esquerra Repubblicana, PNV, Bildu, Coaliciòn Canaria, CU rappresentano una spina nel fianco sia del nazionalismo, ma soprattutto del governo, che qualora si facesse vedrebbe obbligati il PSOE (primo partito) e PP (secondo) a coalizzarsi.…

IL MURO DI BERLINO E I CALCINACCI BOLIVARIANI

di LEONARDO FACCO Nell’invito che l’associazione “Il dito nell’occhio” ha divulgato per convincervi a partecipare alla giornata di oggi, c’è una frasetta che mi ha ispirato, questa: “Può bastare un giorno per perdere la libertà e possono essere necessarie molte generazioni per riuscire a ottenerla di nuovo”. Oggi e fuori da qui, chi celebrerà il…

SABAUDIA (1033-1946): UNA STORIA DI (NON) ITALIA ALTERNATIVA (E VERA)

di PAOLO L. BERNARDINI Rileggendo a distanza di anni il magnifico libro di Norman Davies, “Vanished Kingdoms. The Rise and Fall of States and Nations”, del 2011, ritengo estremamente utile e vera la sua ricostruzione della storia italiana, dal 1033 al 1946, come storia non d’Italia, ma storia di uno stato dinastico che nasce nel…

LA STORIA DELLA FEDERAL RESERVE SPIEGATA IN QUINTA RAGIONERIA

di NORMAN FACCO L’argomento trattato in questa esposizione riguarderà la storia della Banca Centrale degli Stati Uniti d’America, meglio nota come Federal Rerserve, la quale viene abitualmente abbreviata con l’acronimo “FED”. Prima di approfondire il corso degli eventi che ha portato alla nascita della “Riserva Federale”, è necessario illustrare brevemente la storia della moneta, la…

CONTRO L’ASSISTENZIALISMO SERVE UNA RIFORMA SEMPLICE E RADICALE

di WILFRIED PREWO La proposta di riforma nel senso dell’autonomia personale non lacera la rete di sicurezza sociale. Pur essendo radicale, nel senso di affrontare il male alla radice – ossia abolendo lo Stato assistenziale – non taglia prestazioni e istituzioni. La riforma permette a ciascun individuo di trasformarsi da beneficiario passivo di diritti acquisiti…

PICCOLI SECESSIONISTI CRESCONO: NORFOLK, VIA DALL’AUSTRALIA PER LA NUOVA ZELANDA

di MARIETTO CERNEAZ Piccoli secessionisti crescono, a tutte le latitudini. Come ha riportato la Cnn, recentemente il gruppo Norfolk Island People for Democracy ha svolto un sondaggio per tastare il polso alla popolazione in merito a che fare e con chi stare. Ebbene, oltre il 36% delle persone vuole lasciare il Continente e associarsi liberamente…

LO STATO ASSISTENZIALE, UNA PIETRA AL COLLO DI CIASCUN INDIVIDUO

di WILFRIED PREWO Poco più di un secolo fa Bismarck gettava le basi del moderno Stato assistenziale. Le pensioni, i sussidi di disoccupazione e l’assistenza sanitaria garantivano al neonato Stato nazionale tedesco stabilità sociale e politica, tenevano a bada il socialismo e si proponevano come il modello ideale per una società industriale in via di…

SVEZIA, L’INGANNO DELLE TASSE OCCULTE SULLA REALE PRESSIONE FISCALE

di NIMAN SANANDAJI Perché la gente in Svezia, così come in altre parti d’Europa, è disposta a pagare tasse così elevate? Il gettito fiscale in percentuale del PIL si aggira intorno al 45% in luoghi come Francia, Danimarca, Belgio (Italia, ndt) e Svezia. Si tratta di una percentuale notevolmente più elevata rispetto a luoghi come…

I CATALANI SI AUTODENUNCIANO: ARRESTATE ANCHE NOI!

di ARTURO DOILO Il motto degli italiani, indipendentisti compresi, è “Armiamoci e partite”. Davanti ad uno spritz sono tutti leoni, al momento di agire sono quasi tutti impegnati a “scendere il cane a pisciare”, oppure a festeggiare il compleanno della suocera. In Catalogna, invece, sempre più persone si stringono attorno ai prigionieri politici, sentenziati pesantemente…

5 RAGIONI PER ABOLIRE I DIVIETI STATALI CONTRO IL FUMO

di BILL WIRTZ Negli ultimi decenni, i governi hanno represso il consumo di tabacco, anche vietando il fumo in molti luoghi come bar o ristoranti. Ma negli ultimi anni abbiamo imparato molto sugli effetti di questo tipo di politiche e ora è tempo di riconsiderarle. Ecco perché: Diritti di proprietà Fondamentalmente, il dibattito sui divieti…

DICHIARAZIONE D’INDIPENDENZA DELLA SCOZIA: CI SIAMO?

di PAOLO L. BERNARDINI Il fatto che i media poco o punto parlino delle manifestazioni indipendentistiche scozzesi recenti, compreso i “rally” di Edimburgo e Glasgow, all’ultimo dei quali ha partecipato la Sturgeon promettendo un futuro referendum a breve, in realtà fa ben pensare: il miracolo potrebbe forse accadere. Complice la pessima gestione della “Brexit” da…

SCIOPERO, SERRATA E I DIRITTI INDIVIDUALI DEGLI ALTRI

di BRUNO LEONI* L’ostilità di certi ambienti, specie sindacali, contro la serrata è determinata d’altra parte, come già ho detto, dalle stesse ragioni che militerebbero, secondo gli stessi ambienti, in favore dello sciopero: la pretesa disparità contrattuale fra le parti. Se infatti si ammette che il datore di lavoro sia la parte più forte nel…

FIGURE DELL’ACCADEMICAMENTE CORRETTO: CHAGNON E IL MITO DEL “BUON SELVAGGIO”

di PAOLO L. BERNARDINI Non si è parlato molto in Italia della morte di uno dei principali antropologi americani, Napoleon Chagnon – molto americano non ostante il nome così francese – ma la sua storia è emblematica di tutto un mondo “politicamente corretto” che ha ormai invaso l’accademia americana – forse in misura maggiore rispetto…

RAZZISMO, ANTISEMITISMO E BAVAGLIO ALLA LIBERTÀ DI PAROLA

di CHARLIE PAPINI Le cronache left-oriented, hanno raccontato così il parapiglia di un paio di giorni fa: “Nel giorno in cui Palazzo Madama ha dato il via libera alla commissione contro odio, razzismo e antisemitismo promossa da Liliana Segre, l’Aula si è di fatto spaccata a metà, col centrodestra compatto che si è astenuto nella…

IL NUMERO 2 DELLA DITTATURA VENEZUELANA: “I CILENI AMMIRANO IL NOSTRO SISTEMA”

di LEONARDO FACCO Non c’è limite all’arroganza dei comunisti. Dopo le uscite ufficiali di Maduro, il numero due della fallimentare rivoluzione chavista, Diosdado Cabello (quasi sempre in camicia rossa o in abiti militari), ha detto che le proteste in Cile rispondono al fatto che quella società rivendica un modello economico e politico come quello del…

SI SCRIVE TOTALITARISMO, MA SI LEGGE “LAGER FISCALE” ITALIANO

di LEONARDO FACCO Cosa è mai il totalitarismo? Prendo la definizione che dà la Treccani e tra parentesi ci aggiungo del mio per renderla calzante all’Italia: si tratta di un sistema politico autoritario, in cui tutti i poteri sono concentrati in un partito unico (della gabella), nel suo capo o in un ristretto gruppo dirigente…

error: Content is protected !!