SONO UN FIGLIO ORGOGLIOSO DEL MODELLO CILENO DI LIBERTÀ

di SEBASTIÁN HERRERA Sono nato il 22 novembre 1997 nell’ospedale pubblico “Van Buren” di Valparaiso. Mio padre, 27 anni, ha lavorato nel porto di Valparaiso con un’azienda di logistica e trasporti. Mia madre, 19 anni, era ancora troppo giovane e ha dovuto lasciarlo per avermi. Entrambi sono nati in ambienti che vanno dalla vulnerabilità alla classe medio-bassa. La crisi asiatica ha colpito duramente la mia famiglia. Mio padre ha perso il lavoro. Erano tempi duri. Per sopravvivere, i miei genitori non hanno trovato niente di meglio – anche se non lo sapevano – che diventare capitalisti, limitare i nostri consumi e usare le nostre scarse risorse per servire la comunità prima di noi. Hanno iniziato a produrre “empanadas” (cibo fritto tipico del Sudamerica) da vendere per le strade di Valparaiso. Non era il sogno americano, ma abbiamo imparato che lavorare duramente nel nuovo Cile delle opportunità significava offrire beni e servizi a chi li volesse per poi migliorare la qualità della vita. Fu l’inizio dello…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche CronacheVere