lunedì, Maggio 10, 2021
18.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Regno Unito, i dati ufficiali dell’NHS sul COVID: solo 3.500 morti

Da leggere

di THE DAILY EXPOSE

Per dodici lunghi mesi alla gente del Regno Unito è stato ripetutamente detto di stare a casa per proteggere un NHS che sembra aver trascorso una vacanza, quando si guardano i dati ufficiali del NHS, così da poter salvare delle vite. Milioni di vite sono state messe in attesa, milioni di altre sono state rovinate. Milioni di posti di lavoro sono stati persi, migliaia di imprese sono state chiuse per sempre.20

Tuttavia un’enorme maggioranza del popolo britannico pensa che ne sia valsa la pena a causa della propaganda del terrore che è stata trasmessa in loop 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sui loro schermi televisivi e su tutti i giornali nell’ultimo anno. Perché sono stati portati a credere che oltre 125.000 persone sono morte di Covid-19, e gli è stato detto che quel numero sarebbe stato molto più alto se non avessero acconsentito alla distruzione dell’economia e alla decimazione delle loro vite.

Il popolo britannico è stato ingannato su scala monumentale, e oggi possiamo dimostrarlo per gentile concessione dei dati ufficiali del NHS che sono disponibili al pubblico, per chi sa come trovarli. Questo è ciò che abbiamo trovato…

Abbiamo esaminato un documento intitolato ‘COVID-19 total deaths – weekly summaries’ che può essere trovato sul sito web di NHS England qui. Abbiamo dato un’occhiata alla versione più recente che mostra i dati fino alle 16:00 del 31 marzo 2021, e siamo andati direttamente a una sezione intitolata “Deaths by Condition”.

La tabella fornisce una ripartizione delle persone che sono morte dopo aver ricevuto un risultato positivo al test per la SARS-CoV-2 e le divide in persone che avevano una condizione preesistente e persone che non avevano una condizione preesistente. La tabella mostra un totale di 86.308 morti presunte di Covid-19 avvenute fino alle 16 del 31 marzo 2021. Ora questo non è il 125.000 e più che ci è stato detto si sono verificati, ma, questo accade perché questi dati coprono solo l’Inghilterra e solo quelli che sono morti in ospedale.

Ora speriamo che siate seduti mentre leggete questo perché i numeri che stiamo per rivelare sono scioccanti. Degli 86.308 decessi avvenuti in persone che sono risultate positive al “Covid”, 82.766 sono morti per condizioni preesistenti. Solo 3.542 sono morti senza condizioni preesistenti conosciute.

Ciò che è ancora più scioccante è che questo non significa che i 3.542 che sono morti senza condizioni preesistenti note siano effettivamente morti di Covid-19. Significa solo che non avevano alcuna condizione preesistente. Questa quantità molto piccola di persone nel grande schema delle cose potrebbe in realtà essere ancora più piccola, in quanto è del tutto possibile che siano comunque morti per altre cause, come un brutto incidente d’auto per esempio. Naturalmente non possiamo provarlo, ma ciò è ancora del tutto possibile a causa del fatto che registrano le morti per Covid come chiunque sia morto entro 28 giorni dal ricevimento di un test positivo per la SARS-CoV-2. Tuttavia, possiamo provare quali erano alcune delle condizioni preesistenti sottostanti, come ci ha detto l’NHS.

I dati mostrano che degli 82.766 decessi avvenuti negli ospedali in persone che hanno ricevuto un test positivo per la SARS-CoV 2 e che avevano condizioni preesistenti, 14.090 di questi avevano malattie renali croniche. Ciò costituisce più dell’11,2% delle 125.000 morti che sono state utilizzate per giustificare la tirannia dittatoriale dell’anno scorso.

Mostra anche che 13.391 degli 82.766 decessi erano dovuti a malattie polmonari croniche. 13.495 erano affetti da demenza e 8544 da malattie cardiache. Purtroppo l’NHS elenca 62.054 di queste condizioni di base come “altro”, quindi non siamo in grado di dirvi cosa ha causato la maggior parte delle presunte morti “Covid”, in compenso potete vedere il resto delle statistiche nella tabella qui sotto.

 

La malattia renale cronica ha un alto tasso di mortalità entro i primi 6 mesi dall’inizio della dialisi. La mortalità tende poi a migliorare nei 6 mesi successivi, prima di aumentare gradualmente nei 4 anni successivi.

L’aspettativa di vita a 5 anni per la malattia polmonare cronica, un tipo di malattia polmonare ostruttiva caratterizzata da problemi respiratori a lungo termine e da un cattivo flusso d’aria, varia dal 40% al 70% a seconda della gravità della malattia. Tuttavia, per la malattia polmonare cronica grave, il tasso di sopravvivenza a 2 anni è solo del 50%.

La persona media vive da quattro a otto anni dopo l’inizio della demenza. Capite ora che la maggior parte dei decessi che le autorità vorrebbero farvi credere siano dovuti al Covid-19 si sono in realtà verificati in persone che purtroppo stavano già bussando alla porta della morte? Un’altra importante informazione a sostegno di ciò è stata trovata anche all’interno dei dati del NHS.

Il maggior numero di decessi si è verificato nelle persone di età superiore a 80 anni che hanno ottenuto un test positivo per la SARS-CoV 2 e che avevano condizioni preesistenti, con ben 45.127 morti. Questo è un aumento di quasi 14.000 rispetto alla fascia d’età successiva, composta da 31.522 decessi in persone di età compresa tra i 60 e i 79 anni che hanno ricevuto un test positivo per la SARS-CoV-2 e che avevano condizioni preesistenti. Abbiamo anche visto statistiche simili per coloro che sono morti dopo aver ricevuto un test positivo per la SARS-CoV-2 ma che non avevano condizioni preesistenti, tuttavia è interessante notare che si sono verificati più decessi nella fascia di età 60-79 anni, ma solo un aumento di 137 su quelli di età superiore agli 80 anni.

Ma dall’età da 0 a 59 anni, da marzo 2020 ci sono stati solo 602 decessi che si sono verificati negli ospedali inglesi in persone che sono risultate positive alla SARS-CoV-2 e che non avevano alcuna condizione preesistente. Tra le persone da 0 a 59 anni, da marzo 2020 ci sono stati solo 5.569 decessi negli ospedali inglesi in persone che sono risultate positive alla SARS-CoV-2 e che avevano anche una condizione preesistente.

Quindi la domanda rimane: perché mai le autorità hanno preteso che l’intera popolazione resti a casa? Gli scolari hanno avuto la loro educazione rovinata, gli adolescenti hanno avuto la loro giovane vita rovinata, i neo genitori sono stati lasciati in isolamento a lottare da soli senza l’aiuto delle loro famiglie, la lista è infinita. La maggior parte dei decessi che possono effettivamente essere dovuti al Covid-19, di cui il numero è ancora incredibilmente piccolo – solo 3.542 in tutto si sono verificati, la maggior parte dei quali sono stati persone di età superiore ai 75 anni.

I dati dell’NHS non ci dicono che la maggioranza si è verificata negli over 75, anche se, come avrete notato, usano uno spettro abbastanza ampio che va dai 60 ai 79 anni. Tuttavia, il governo britannico ha gentilmente fornito una mappa termica dei “decessi avvenuti entro 28 giorni dopo un test positivo” per data di morte e per età demografica.

Il grafico sopra può essere visto sul dashboard del governo britannico sul coronavirus qui. Ciò che è abbastanza chiaro da questi dati è che la maggior parte delle morti presunte di Covid si sono verificate in persone di età superiore ai 90 anni. Il prossimo gruppo di età con il maggior numero di morti è 85 – 89, poi 80 – 84 e così via. C’è una diminuzione generale nel numero di morti fino a circa il gruppo di età 65-69 anni, poi vediamo un calo drammatico fino a quasi zero in chiunque abbia meno di 60 anni.

Questa mappa termica mostra che generalmente non ci sono stati più di 9 decessi in un solo giorno di chiunque abbia tra i 60 e i 64 anni. Nel gruppo 65-69 anni non ci sono stati più di 20 morti al giorno. Nel gruppo di 70-74 anni non più di 27 morti in un giorno. Nel gruppo 75-79 non più di 48 morti al giorno, al massimo. È solo quando arriviamo al gruppo degli 85-89 anni che cominciamo a vedere un grande aumento nel numero di morti presunte di Covid. 179 morti in un giorno al massimo. Poi abbiamo il gruppo di età 90+ che ha visto non più di 379 morti in un solo giorno al suo massimo.

L’aspettativa di vita media nel Regno Unito è di 81 anni. Eppure il Regno Unito ha imposto una tirannia dittatoriale, distrutto l’economia, decimato le imprese e i mezzi di sussistenza delle persone e creato una marea di problemi di salute mentale perché stanno morendo persone che hanno vissuto più a lungo dell’aspettativa di vita media di 81 anni.

Centoventicinquemila morti di Covid in soli 12 mesi? Ma per favore! Ne abbiamo visti solo tremila e cinquecento.

QUI, L’ARTICOLO ORIGINALE

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli recenti