lunedì, Maggio 27, 2024
17.7 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Ecco il 7° segnale della ripresa, metalmeccanica a picco in lombardia

Da leggere

di LUIGI CORTINOVIS

E’ storicamente un fiore all’occhiello della manifattura lombarda, ha permesso di creare ricchezza dal dopoguerra ad oggi. Ora, però, la crisi che ha colpito duro e l’Italia stanno lentamente distruggendo il comparti metalmeccanico.

Il settore metalmeccanico, infatti, è quello che ha risentito di più in tempi di crisi: 20mila esuberi in Lombardia negli ultimi tre anni, cifra alla quale si è arrivati con i quasi 5mila tagli (4827) registrati nel 2016 Tra i territori più colpiti nel 2016, secondo i dati resi noti dalla Fiom lombarda c’è sicuramente Milano con 1374 richieste di messa in mobilità nei dodici mesi dell’anno scorso, ma è andata male anche a Varese (696), Lecco (654), Bergamo (591), Brescia (467), Monza Brianza (411), Como (247), Pavia (171). Fanalino di coda Sondrio. Sommando i dati del triennio 2014-2016 Monza conta 2378 richieste di messa in mobilità.

Al di là dei dati recenti il dato fondamentale è che la base produttiva del comparto si è ridotta notevolmente. E l’emorragia dei posti di lavoro non si ferma. Il che è anche peggio!

Correlati

1 COMMENT

  1. E pensare che se i 50-60 Mld di residuo fiscale depredati alla Lombardia restassero in Regione
    le politiche occupazionali porterebbero addirittura far aumentare i posti di lavoro.
    E qui mi fermo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti