BOUGAINVILLE, AD OTTOBRE IL REFERENDUM PER L’INDIPENDENZA DA PAPUA NUOVA GUINEA

di MARIETTO CERNEAZ Nuovi Stati vedono o tentano di vedere la luce. Catalogna, Scozia, Somaliland sono forse i più conosciuti, ma nell’immenso arcipelago dei “popoli senza Stato”, sono in molti quelli che ambiscono all’indipendenza: pacificamente, con referendum condivisi. Tra i meno noti, non possiamo non ricordare la Nuova Caledonia, il Sahara Occidentale e Bouganville. I bambù della Papuasia, un nome floreale per una storia tragica. L’autonomia grazie a un conflitto che ha sparso il sangue di 20mila vittime su neanche 150mila abitanti, e un armistizio “permanente” nel 2001, in vista del referendum. Bougainville, una delle isole maggiori delle Salomone, Sud-Est del Pacifico, lotta per staccarsi dalla Papua Nuova Guinea. Vulcanica, soggetta a terremoti, ha la più vasta foresta di bambù della Papuasia. Il referendum sull’indipendenza della regione autonoma si svolgerà il 17 ottobre prossimo.  Il voto è il risultato di un accordo tra il governo della Papua Nuova Guinea e il governo autonomo di Bougainville, ed era originariamente previsto per il 15 giugno 2019, prima di…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Indipendenze