BREVE STORIA DELL’AGGRESSIONE CINESE ALL’AUTONOMIA DI HONG KONG

di TED GALEN CARPENTER Dopo settimane di proteste di massa per le strade di Hong Kong, la governatrice Carrie Lam ha sospeso l’azione su un disegno di legge controverso per estradare gli hongkonghesi nella Cina continentale. Ma questo non è chiaramente sufficiente per coloro che si radunano per le strade e ormai le relazioni tra Hong Kong e la Cina sono rotte, e non è chiaro se potranno mai essere riannodate. Quando la Repubblica Popolare Cinese (RPC) ha riacquistato la sovranità su Hong Kong, dalla Gran Bretagna nel 1997, i funzionari cinesi hanno assicurato ai residenti nervosi che avrebbero goduto di un ampio autogoverno. Hong Kong è stata legalmente designata come “Regione amministrativa speciale” della RPC per sottolineare la sua autonomia unica. Pechino sarebbe stata pienamente responsabile delle decisioni relative alla politica estera e alla sicurezza nazionale, ma sulla maggior parte delle altre questioni, la popolazione di Hong Kong avrebbe gestito i propri affari. Purtroppo, il governo cinese ha lentamente, ma inesorabilmente, eroso la promessa…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo