venerdì, Settembre 30, 2022
13.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Ci manca solo di cartolarizzare i debiti pubblici

Da leggere

di MATTEO CORSINI

Da quando c’è stata la crisi dei debiti pubblici di alcuni Paesi dell’Area euro (Italia inclusa), appaiono periodicamente proposte di soluzioni più o meno miracolose per alleviare il problema del sovraindebitamento e del legame vizioso tra debito pubblico e bilanci delle banche.

Mentre le proposte di mutualizzazione più o meno esplicite sono rimandate immediatamente al mittente da chi dovrebbe pagare il conto al posto di altri, quelle che si basano su una qualche forma di ingegneria finanziaria, pur non avendo finora avuto successo, sono meno osteggiate. Tra queste l’idea di cartolarizzare una parte dei debiti pubblici. Un veicolo europeo acquisterebbe titoli di Stato dei Paesi dell’Area euro in proporzione alle quote di partecipazione al capitale della BCE, come già avviene con il quantitative easing. Successivamente quei titoli fungerebbero da collaterale per una cartolarizzazione nella quale la tranche senior sarebbe destinata alle banche, mentre la mezzanina e la junior andrebbero ad altri investitori.

La tranche senior dovrebbe avere un rischio molto basso, di conseguenza verrebbe spezzato il circolo vizioso tra bilanci delle banche e debiti pubblici domestici. Tra i proponenti c’è Marco Pagano, professore dell’Università di Napoli Federico II, secondo il quale “questi bond riuscirebbero davvero a ridurre il rischio sistemico in Europa. Perché le banche verrebbero rese più stabili, e con esse ne beneficerebbe l’intera economia.”

Un paio di osservazioni. In primo luogo, nessuno vieta oggi alle banche di comprare titoli di Stato di altri Paesi. Se le banche italiane preferiscono comprare titoli di Stato italiani e non tedeschi od olandesi il motivo è semplice: sui primi riescono ad avere un differenziale positivo tra rendimento del titolo e costo del suo finanziamento, mentre sui secondi no. In pratica, sui primi ottengono un margine di interesse positivo, sui secondi sarebbe negativo. Se la tranche senior della ipotetica cartolarizzazione avesse un rendimento poco superiore a quello dei titoli di Stato tedeschi, alle attuali condizioni le banche italiane avrebbero un margine negativo.

In secondo luogo, credo non vada sottovalutato il fatto che questa iniziativa segmenterebbe il mercato dei titoli di Stato domestici. Per di più, dubito che i Paesi che oggi hanno un basso (costo del) debito sarebbero entusiasti di un meccanismo di questo tipo.

Non a caso se ne parla da qualche anno senza arrivare a nulla, a parte documenti ufficiali più o meno lunghi e altrettanto inutili.

- Advertisement -

Correlati

3 COMMENTS

  1. Da tempo sostengo che non esista un debito pubblico. Se esistesse oggi saremmo tutti più ricchi, con infrastrutture da invidia, il miglior sistema scolastico ed i migliori studenti, all’avanguardia nella ricerca. Non esistendo tutto ciò è evidente che i nostri soldi non sono stati spesi per noi ma per il benessere di qualcun altro, lussi, privilegi, sprechi, errori, voto di scambio, assunzioni statali, falsi invalidi, forestali duosiciliani, ecc in breve per il benessere di politici e ministri. Ebbene, se i debiti sono nati a loro uso e consumo è indubbio che l’onere di ripagarli tocchi a loro e solo a loro ed immagino che con tutto quello che hanno rubato in questi decenni ce ne sia a sufficienza per ripagare due debiti pubblici….In ogni caso pagheranno loro e se i soldi non bastano vorrà dire che le banche che stupidamente hanno investito in titoli tossici (titoli di Stato italiani) falliranno, i dirigenti andranno in galera, le banche verranno nazionalizzate, ottimizzate, torneranno a fare le casse di risparmio (investendo nel territorio i soldi dei correntisti sostenendo l’economia) e smetteranno di fare la banche d’investimento per poi essere nuovamente privatizzate.

  2. Resta da vedere cosa faranno (o meglio cosa riusciranno a fare) Merkel & Scholz – in ossequio all'”amico’ Macron – per “rilanciare” (cioè salvare) l’euro. Un primo “stop” sembra essere arrivato a Berlino da una dichiarazione congiunta di 8 Stati del Nord (di cui 6 di area euro). Poi si vedrà chi prenderà il posto di Draghi a Francoforte. Weidmann? Molti – nella parte euro-critica della Germania (AfD, FPD, frange di CDU & CSU) – sono preoccupati dall’intenzione di Scholz & Merkel di coprire le spalle a Macron: avanti con Unione bancaria, debito (e bilancio) comune europeo (cioè: unione di trasferimento stile Italia – Nord che paga, Sud che spende) e via andare. Immagino che la partita si giocherà su quel tavolo…

  3. La gente si scanna politicamente per questa o quella linea di politica economica ciechi del fatto che i giochi che contano sui loro risparmi e sullo sviluppo si pregiudicano in tutt’altra sede. Sede tutt’altro che democratica.
    La democrazia è diventato un gioco tutt’altro che innocuo per bambini scemi.

    Cartolarizzano ciò che è stato acquistato attraverso la cartolarizzazione di attivi tossici e
    dato in retrogaranzia alla BCE per non far fallire banche e stati.
    Ciò per non far rifallire banche e stati.

    Mecojoni! ….Diamo loro il nobel in aritmetica.
    Scusate l’esclamazione accademica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti