COME FUNZIONA IL GIORNALISMO SECONDO IL WASHINGTON POST

di ANDREW TORBA All’inizio della settimana scorsa un “giornalista” del Washington Post, un braccio propagandistico del miliardario amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos, mi ha contattato per un commento sulla storia “Russia Hoax 2.0” che è attualmente diffusa da parte dei media mainstream. In qualche modo mi ero perso questa e-mail all’inizio della settimana, ma ho deciso di rispondere comunque stamattina per vedere se potevo spingerlo a scrivere di noi. Ho già scritto in precedenza dei due falsi racconti di notizie post-elettorali che sono stati seminati dai media mainstream in questo momento. Il primo è, appuno, “Russian Hoax 2.0”. Questi idioti credono in realtà che una manciata di resoconti su Gab, che presumono siano gestiti da “russi” avranno in qualche modo un impatto sulle elezioni. Questo è assurdo quasi quanto il fatto che credano che 100.000 dollari in pubblicità su Facebook abbiano in qualche modo cambiato il corso delle elezioni del 2016. La seconda falsa notizia che emerge è che le piattaforme dei social media…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche PensieroLibero