COVID-19, SENZA LIBERTÀ DA UN ANNO PER LO 0,0011% DI MORTI

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di JACOPO CIONI

Eccovi uno spunto di riflessione verificabile con dati alla mano. Numeri del 29 Novembre scorso, relativi al Covid.

In Italia siamo 60.360.000 circa. I positivi al covid-19 in Italia sono 795.711, cioè 1.32% di tutti gli italiani. Di questi positivi, 759.139 stanno a casa, cioè il 95,4% non ha sintomi o sono sintomi lievissimi affrontabili a casa.

Dei positivi 36.572 sono ricoverati in ospedale, cioè il 4,6% ovvero lo 0,06% di tutti gli italiani. Di quelli ricoverati sono in terapia intensiva 3.753, cioè il 10,2% dei ricoverati, ovvero lo 0,47% di tutti i positivi, ossia lo 0,006% di tutti gli italiani.

I morti con Covid (badate bene CON Covid, non PER Covid, questo c’è scritto nelle tabelle) nelle ultime 24 ore sono 672, cioè il 17,9% di quelli che sono in terapia intensiva, ovvero l’1.8% dei ricoverati, ossia il 0.08% dei positivi, ovvero sia lo 0,0011% degli italiani.

L’età media di questi morti è 80 anni. In pratica hai lo 0,47% di possibilità di finire in terapia intensiva se ti contagi con il virus e il 17,9% di morirci in terapia intensiva se hai almeno 80 anni. Il bello è che il vaccino viene “venduto” per avere una efficienza del 95%, cioè in pratica se non lo fai hai la probabilità di NON infettarti pari al 95,4%, cioè 0.4% in più che a farti il vaccino.

Per logica, anche con il vaccino fatto da tutta la popolazione, rimarrebbe il 5% di rischio di infettarsi (pari all’attuale) e quindi il 10% di probabilità di finire comunque in terapia intensiva (pari all’attuale).

Questi sono i numeri, non le immagini della nipote piangente perchè il nonno è morto a 90 anni con il Covid oltre il diabete, la pressione alta e una fibrillazione atriale parossistica.

Ora, ditemi la verità, questi numeri giustificano la chiusura di un intero paese e la morte economica dello stesso considerando che da anni e anni e anni, e ancora anni, ogni giorno muoiono 800/1000 pazienti per tumore e patologie cardiovascolari? E con un’età media molto, ma molto inferiore agli 80 anni.

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche CronacheVere