DISCRIMINAZIONI RAZZIALI: UN CONFRONTO TRA PUBBLICO E PRIVATO

di WALTER BLOCK Quando un individuo o un gruppo di persone del settore privato discrimina una minoranza razziale o etnica, i risultati possono essere debilitanti. È probabile che ne derivino danni psicologici, sentimenti di isolamento e un senso di ostilità. Fortunatamente, nel settore privato, c’è un fenomeno poco riconosciuto che contribuisce a proteggere le minoranze da un grande danno economico: il fatto che i privati tendono a pagare per le discriminazioni fatte. Ad esempio, se una parte della popolazione viene discriminata sul lavoro, ciò tende a far scendere i loro tassi salariali. Tuttavia, i salari più bassi che ora comandano fungono da calamita, inducendo gli altri datori di lavoro a fare loro offerte per l’impiego. I datori di lavoro che fanno discriminazioni rinunciano a questi salari più bassi. A parità di altre cose, la concorrenza tenderà a far fallire i datori di lavoro discriminatori. Non è certo una situazione ideale dal punto di vista della minoranza, che starebbe meglio senza discriminazioni. Ma almeno questo aspetto…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere