È UNA CUPOLA MILITARE, E CRIMINALE, CHE GOVERNA IL VENEZUELA

di ANONIMO VENEZUELANO

La storia democratica venezuelana, iniziato nel 1958 con la caduta dell’ultimo regime militare, si è concretizzata con la cessione del potere ad un regime civile. I soldati ritornarono nelle loro caserme e furono sottoposti al compimento del loro lavoro professionale. L’arrivo di un nuovo sistema elettorale, che ha permesso un cambio di governo, ha gradualmente spento la nostalgia per i governi militari. La divisione dei poteri è stata imposta nel paese e l’uniformato ha accettato il suo nuovo ruolo. La Forze Armate dovevano dedicarsi alla difesa della costituzione e al mantenimento dell’integrità territoriale e della sovranità nazionale.

Ma il chavismo, non appena ha preso le redini del paese (1999), ha alterato il sistema giuridico relativo all’istituzione militare, e ha sostanzialmente modificato la sua missione. Ora i militari sono uomini d’affari, ministri, governatori, dirigenti, e possono indossare e togliere le loro uniformi in base al loro ruolo civile o militare. Il chavismo li ha trasformati in strumenti per risolvere la crisi politica interna e sottoporre la popolazione ai suoi capricci e interessi.

Hugo Chavez, non appena salito al potere, fece votare una costituzione che gli avrebbe permesso di realizzare il suo sogno totalitario. Ha eliminato l’articolo che diceva che le Forze Armate erano un’istituzione “apolitica, obbediente e non delegante”. Ha dato agli uniformati il diritto di voto e così hanno cominciato ad essere ideologizzate e politicizzate. I militari hanno assunto tutte le posizioni di responsabilità nello Stato e sono intervenuti in tutti i tipi di attività finora occupate dai civili. Così, potevamo vederli tagliare i capelli o spostare macerie. Le promozioni cominciarono a trasformarsi in premi e fu loro imposto lo slogan “patria, socialismo o morte”, copiato dai cubani.

Quando il chavismo ha compiuto dieci anni al potere, il numero di militari era salito da 79.000 a 115.000 unità. Ma dal 2013 (anno della morte di Chavez) c’è stato un salto a 273.000 uomini, più del doppio. Da quando Maduro salì al potere, le forze armate nazionali bolivariane (FANB) hanno superato i 2.000 generali. Secondo il capo del Comando Sud degli Stati Uniti, Craig Faller, è più di quanti ne ha la NATO.

La FANB ha sotto la sua direzione più di 20 aziende, tra cui banche e canali televisivi, Petroleos de Venezuela (PDVSA), l’estrazione mineraria, la riscossione delle imposte attraverso SENIAT, dove il fratello di Diosdado Cabello ha governato per anni, una compagnia di assicurazioni, una grande azienda di trasporto titoli, istituzioni per la gestione di fondi e investimenti sociali, la Corporación Venezolana de Guayana (CVG), società nazionalizzate di cemento e asfalto, compagnie aeree e aeronautiche statali, e così via. In pratica abbiamo un vero governo parallelo, o forse è il vero governo ed è quello di Maduro ad essere parallelo.

Nel 2017, dei 32 ministeri operativi, 12 dicasteri erano sotto la diretta amministrazione e responsabilità dei militari. L’influenza militare è visibile anche negli organi esecutivi statali e comunali. Ad esempio, otto dei governatori sono funzionari militari attivi o in pensione. Negli Stati in cui sono i civili che governano, essi devono sottomettersi o umiliarsi al controllo della corrispondente guarnigione militare, spesso con funzioni che si sovrappongono. Va notato che l’opacità regna nelle regioni governate dai militari. Il governo chiude un occhio su quelle amministrazioni dove regnano gli uniformati. Naturalmente, i rendiconti economici brillano per il fatto che non esistono proprio.

Nella Corporación Venezolana de Guayana, un tempo una delle più moderne acciaierie del mondo, sette degli ultimi dieci presidenti dal 2000 ad oggi sono stati militari. L’attuale presidente è il governatore del più grande stato del paese. Degli 11 funzionari che sono stati a capo del Ministero dell’alimentazione, 10 sono stati militari. Tutti hanno gestito il mercato dei dollari preferenziali, necessari per importare cibo.

Ma i militari non solo gestiscono le agenzie ufficiali assegnate dall’esecutivo, ma l’alto comando ha carta bianca per operare e dirigere i casinò clandestini, che operano alla luce del giorno nelle grandi urbanizzazioni; alle frontiere sono responsabili di garantire che il contrabbando di benzina e merci non lascino il paese (a meno che non siano loro ad autorizzare); inoltre, controllano e guidano barche da pesca e rivendono nei Caraibi carburante sovvenzionato. Sotto la loro custodia sono i porti, gli aeroporti e tutte le mandrie espropriate.

Recentemente, hanno ricevuto un regalo succoso. Ora possono gestire lo sfruttamento selvaggio dell’oro nella Guyana venezuelana, a volontà. Naturalmente, non ci è voluto molto tempo perché le mafie militari si associassero a bande omicide che quotidianamente commettono crimini contro i minatori e contrabbandano oro e altri metalli preziosi. Numerose sono state le denunce dei minatori per lo stato di semi-schiavismo a cui sono sottoposti nei loro giorni di lavoro, sotto lo sguardo complice dei militari, che si arricchiscono col contrabbando e i saccheggi. Non è raro che i generali possiedano molti grandi allevamenti bovini e aziende forestali. In alcune regioni partecipano pubblicamente in qualità di membri delle corporazioni del bestiame e delle imprese.

A questo punto, a 20 anni dalla presa di potere dei socialisti nel XXI secolo, il Venezuela è seriamente additato come un paese dove il traffico di droga ha trovato terreno fertile e le mafie militari si sono unite a potenti narcotrafficanti per creare il famoso “Cartello de los Soles”, il cui capo principale è il secondo uomo del regime: Diosdado Cabello.

Questa casta militare corrotta è il pilastro che sostiene Maduro. Oggi, quando ai militari è richiesto di riprendere il loro ruolo di garanti della costituzione, ci troviamo di fronte a soggetti sottomessi ai capricci ideologici di un regime che li ha indottrinati, legati e corrotti da impegni e privilegi che li allontanano dal dovere fondamentale per cui sono stati creati. Per questo motivo l’appello del presidente Juan Guaidó alla FAN a sostegno della costituzione ha incontrato così tante resistenze. L’alto comando veglia sui loro interessi e sulla loro sicurezza personale. I loro principi sono stati corrotti dal regime, che li ha avvicinati a traffici criminali e lucrativi, come il contrabbando, il traffico di droga e altre attività di dubbia legittimità. Per questo motivo, quando il generale Padrino López (foto) dice che dovranno passare sui loro cadaveri, si riferisce, in primo luogo, alla sua e poi a quella della sua compromessa cupola militare, che è talmente impantanata nei traffici loschi da risultare difficile per loro uscire.

Già il 5 luglio 1999, lo storico Jorge Olavarría disse che “(…) l’anno prossimo il Venezuela non entrerà nel XXI secolo, rimarrà indietro nel peggiore del XX secolo. Oppure tornerà al peggio del diciannovesimo secolo. (…) quello che Hugo Chávez sta facendo con le Forze Armate, in modo legale, parallelo, pseudo-legale o illegale, porterà alla distruzione di una delle istituzioni più prestigiose della società venezuelana. Un’istituzione il cui livello di professionalità è costato molti sforzi. A quanto pare il loro desiderio è quello di trasformare le Forze Armate Nazionali in una milizia al loro esclusivo servizio”.

Lo storico Manuel Caballero ha dichiarato nel suo libro “La gestación de Hugo Chávez” che la cosa peggiore che il defunto presidente aveva fatto è stata la reintroduzione del partito militare nella dinamica politica venezuelana.

Finora, la casta militare non ha accettato la proposta del presidente Guaidó e del governo di Donald Trump. Resta da vedere quali sono le loro richieste, se le hanno, o preferiscono davvero che passino sui loro cadaveri.

CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere FuoriDalMondo