ECCO COME L’OLANDA HA DIMINUITO IL SUO DEBITO PUBBLICO

di DIEGO SÁNCHEZ DE LA CRUZ Sebbene l’impatto della Grande Recessione sull’economia dei Paesi Bassi sia stato inferiore al colpo ricevuto da altri paesi dell’Unione Europea, il debito pubblico olandese ha registrato una crescita considerevole tra il 2007 e il 2013, passando dal 40% al 70% del PIL dopo anni di instabilità di bilancio. L’economia è cresciuta fortemente prima dello scoppio della crisi. Nel 2004 e nel 2005, il PIL è cresciuto a un tasso annuo del 2 per cento, mentre nel 2006 e nel 2007 sono stati raggiunti tassi di crescita superiori al 3,5 per cento. Tuttavia, la crescita è scesa al 2,2 per cento nel 2008 e ha subito una correzione del -3,7 per cento nel 2009. Gli anni successivi non sono stati molto migliori: 1,3% nel 2010, 1,6% nel 2011… e ancora tassi di crescita negativi nel 2012 (-1%) e 2013 (-0,1%). Gli squilibri di bilancio accumulati hanno fatto aumentare l’onere del debito. Nonostante il bilancio sia stato in pareggio nel 2008…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Denari