lunedì, Settembre 26, 2022
14.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Il fallimento totale della “lotta al contante” in india

Da leggere

di MATTEO CORSINI

Lo scorso novembre, mentre il mondo era intento a fare i conti con l’inattesa elezione alla presidenza degli Stati Uniti di Donald Trump, il governo indiano annunciò a sorpresa che i cittadini avrebbero avuto 50 giorni per andare in banca a depositare o sostituire tutte le banconote da 500 e 1000 rupie, le più utilizzate in un Paese nel quale si stimava che l’86% delle transazioni fosse regolata in contanti.

All’epoca la mossa a sorpresa del governo indiano riscosse gli applausi di tutti i fautori della lotta al contante, ovviamente con la scusa che il contante è usato da criminali e riciclatori di denaro usato per traffici illegali.

A parte la semi-paralisi che subì per giorni l’economia indiana, con file chilometriche di persone che andavano in banca per cambiare il contante e le banche che inizialmente non disponevano neppure delle nuove banconote da dare in cambio delle vecchie, la lotta al nero e al riciclaggio è stata uno spettacolare insuccesso.

In sostanza, a quanto risulta dai dati forniti dalla banca centrale indiana, il 99% delle rupie illegali è stata regolarmente convertita. Ciò significa che chi aveva grandi quantità di contanti è riuscito, distribuendolo a conoscenti, a convertirlo senza incappare nella rete del fisco.

Commentava qualche giorno fa Gianluca Di Donfrancesco sul Sole 24Ore: Intanto, alla beffa, si aggiunge il danno. La stampa di nuove banconote è costata alla Banca centrale quasi 80 miliardi di rupie, il doppio rispetto a quanto spende in media ogni anno. I suoi utili hanno così subito una contrazione che si trasforma in un minor dividendo per le casse dello Stato. E siccome le cattive notizie non vengono mai sole, ieri l’Ufficio di statistica ha reso noto che nel trimestre tra aprile e giugno, la crescita del Pil ha frenato al 5,7%, dal 6,1 dei tre mesi precedenti e ai minimi dal 2014”.

Non c’è da stupirsi. Questo succede quando si pretende di “governare” l’economia.

LUNEDI PUBBLICHEREMO UNA INCHIESTA SUL CASO INDIANO DEL CONTANTE

——————————-

Acquistalo presso LIBRERIA DEL PONTE: [email protected]

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. Ottusi, in malafede, ladri, prepotenti.
    Tutti i governi in relazione alla moneta e alle banconote.
    Colpiscono i poveracci nel vano tentativo di bloccare pesci grossi.
    Pesci grossi spesso funzionali agli interessi del ceto di potere, e che se ne fottono di tali misure.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti