GIACOMO MATTEOTTI E IL SUO CREDO IN UN MITO CATTIVO: L’ITALIA UNITA

di PAOLO L. BERNARDINI Giampaolo Romanato, docente all’Università di Padova, è uno storico attento e appassionato, autore di bellissimi volumi tra cui il L’Italia della vergogna nelle cronache di Adolfo Rossi (1857-1921) (Longo, Ravenna, 2010) e l’avvincente narrazione delle vicende di Daniele Comboni, L’Africa nera tra cristianesimo e Islam. L’esperienza di Daniele Comboni (Corbaccio, Milano, 2002), oltre a numerosi altri. Natio di Fratta Polesine come Matteotti, al Polesine ha dedicato numerosi studi, tra cui Chiesa e società nel Polesine di fine Ottocento (1991). Naturale, dunque, che si cimentasse prima o poi con il maggior polesano del Novecento, Giacomo Matteotti. Il libro che qui presento è pieno di motivi di interesse. In Un italiano diverso. Giacomo Matteotti (Longanesi, Milano, 2011), Romanato ci restituisce un ritratto vivo del socialista veneto. Parlando solo poco del delitto, un mistero ancora ampiamente irrisolto – e qui Romanato riprende il tema del “delitto massonico”, ipotesi non priva di legittimità – lo storico di Fratta ci conduce nel tormentato mondo veneto ed…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere