I POLITICI PENSANO SOLO AD AUMENTARE ED ESTENDERE IL LORO POTERE

di MURRAY N. ROTHBARD L’esistenza e il dominio dello Stato dipendono dalla forza dell’abitudine, dal fatto che lo Stato esiste da secoli, ed è considerato un dato naturale ineludibile. Per dimostrare l’infondatezza della necessità dello Stato basta prendere in considerazione la tipica argomentazione in un ipotetico stato di natura, che è la seguente: se a ciascun individuo viene permesso il diritto all’autodifesa, presto ci si troverà ognuno in guerra contro gli altri. Pertanto cediamo il potere di utilizzare la forza a Jones. L’obiezione è: chi ci proteggerà da Jones? Questa obiezione oggi viene ignorata, mentre accettiamo ciecamente il ragionamento precedente. Anche la teoria dello “Stato minimo” è una chimera. Non vi è nessuna ragione per cui il monopolio della forza si limiti alla protezione delle persone e della proprietà; anzi, storicamente si è evidenziato che nessun governo è rimasto “limitato” per lungo tempo. I governanti hanno interesse a estendere la sfera di intervento per accumulare potere e denaro. Non esistono meccanismi istituzionali per far sì che…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere