IL GRANDE “NONSENSE” DEL GRANDE RESET 2030

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di THOMAS DILORENZO “Il Grande Reset” è l’ultimo ingannevole eufemismo a favore del socialismo totalitario che viene promosso da un altro gruppo di ricchi elitisti corporativi che pensano di poter pianificare centralmente l’intera economia mondiale. Sono essenzialmente gli eredi ideologici di Frederick Engels e del suo burattino intellettuale Karl Marx. “Il Grande Reset” segue le orme retoriche di tali eufemismi legati al socialismo come “democrazia economica”, “giustizia sociale”, “teologia della liberazione”, “progressismo”, “socialismo di mercato” (un ossimoro, come “gamberi giganti” o “intelligence militare”), “ambientalismo”, “lotta al cambiamento climatico”, “sviluppo sostenibile” e “green new deal”, per citarne solo alcuni. La figura principale di questo movimento è il ricco ingegnere tedesco Klaus Schwab, fondatore del “World Economic Forum”, il quale sostiene quello che chiama “transumanesimo”, l’integrazione della nanotecnologia nel corpo umano in modo che gli esseri umani possano essere controllati a distanza dallo stato.[1] Come ha notato Ron Paul, “Inclusa nella proposta di Schwab per la sorveglianza [di ogni cittadino] si trova la sua idea di usare…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche ControPotere