IL LIBERALISMO IN FRANCIA È MORTO GHIGLIOTTINATO

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di JEAN MARC PATURLE La statua della Libertà, realizzata dallo scultore alsaziano Auguste Bartholdi, è stata regalata dalla Francia agli Stati Uniti in occasione del centenario della loro indipendenza. E la Francia non si è forse in questo modo sbarazzato di questa «ingombrante» idea di libertà? Lo si può pensare, talmente in Francia il liberismo è denigrato! Nel dibattito politico è infatti sufficiente qualificare come liberale il proprio interlocutore, o quello che dice, per evitare di dover elaborare una fastidiosa argomentazione nei suoi confronti. Subito, il temerario è costretto a un’umiliante ritirata e, per farsi perdonare l’audacia, si vede obbligato ad ostentare il suo attaccamento al mito della giustizia sociale, se vuol poter continuare la discussione. Il colmo è raggiunto quando vi si taccia di ultraliberale. In quel caso, non siete neanche più frequentabili. Siete considerati come un appestato, un egoista e un orribile individualista, che non pensa altro che ad arricchirsi, a disprezzare e a schiacciare i suoi contemporanei. Come mai la parola libertà,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche PensieroLibero