IL MURO DI BERLINO E I CALCINACCI BOLIVARIANI

di LEONARDO FACCO Nell’invito che l’associazione “Il dito nell’occhio” ha divulgato per convincervi a partecipare alla giornata di oggi, c’è una frasetta che mi ha ispirato, questa: “Può bastare un giorno per perdere la libertà e possono essere necessarie molte generazioni per riuscire a ottenerla di nuovo”. Oggi e fuori da qui, chi celebrerà il 9 novembre 1989 (per indole, io sarei più portato a festeggiare il FIFTH OF NOVEMBER di Alan Moore, ma tant’è), vi narrerà la storiella della caduta del muro di Berlino come crollo dell’impero comunista e molti di quelli che lo racconteranno tralasceranno magari di dirvi che fino al giorno prima erano comunisti; anzi rimarcheranno con orgoglio che loro, a quei tempi, erano già dei convinti democratici. Ecco democratici appunto, come lo era la Germania orientale, come lo è il Venezuela di Hugo Chavez, dove è bastato un giorno (il 6 dicembre 1998) per perdere la libertà! Ringrazio Andrea Babini per aver ricordato che il sottoscritto, in questa landa di parassiti e…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere