IL NUOVO TOTALITARISMO IDEOLOGICO E MENTALE DEI FASCIO-COMUNISTI

di RICHARD M. EBELING Quest’anno ricorre il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale. La sconfitta del nazismo in Europa è vista non solo come una vittoria sulla tirannia, il terrore e gli omicidi di massa, ma anche come un trionfo per la conservazione di molte delle più care libertà umane, tra cui la libertà di parola e di stampa e la libertà di associazione. Tali libertà sembrano essere di nuovo sotto attacco, e spesso nei campus dei college e delle università americane. Una nuova tirannia cerca di imporsi sulle menti, ed è emersa in alcune istituzioni di istruzione superiore, dove si dovrebbe supporre che l’ideale sia rappresentato da una mentalità aperta, e da idee diverse in competizione tra loro lungo tutto lo spettro degli interessi umani. Gli ultimi anni sono stati pieni di numerosi casi in cui folle di studenti e gruppi di professori hanno fatto pressione sugli amministratori delle università per impedire o revocare a un oratore esterno l’invito a venire in…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere