mercoledì, Novembre 30, 2022
5.5 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Il pericolo fascismo arriva dagli italiani e dagli antifascisti

Da leggere

di PIETRO AGRIESTI

Le conseguenze dei poteri che concediamo allo stato oggi ci tormenteranno negli anni a venire. Così è stato per il Patrioct Cct di Bush, così è stato e sarà sempre per ogni emergenza, le Br, il covid, la Russia, il cambiamento climatico, il terrorismo islamico, qualsiasi cosa…

Non importa se l’emergenza è vera o finta o una qualche gradazione nel mezzo (esagerata, comunicata in modo apocalittico e allarmista, gonfiata ad arte, etc..) la politica, lo stato, i partiti, e le loro articolazioni non se la lasceranno sfuggire. Per cui il momento dell’emergenza oltre ad essere sicuramente il momento di affrontare l’emergenza è anche quello di vigilare con più severità e con più rigore, di mostrare maggiore scetticismo, e di approntarsi a resistere agli inevitabili abusi che ci verranno rifilati in nome dell’emergenza, guardando non solo all’emergenza in corso, ma al fatto che in buona parte resteranno, saranno mantenuti, riciclati, faranno da precedente e saranno la base per costruire nuovi e maggiori abusi.

L’esistenza di un sistema democratico e di uno stato di diritto richiedono questa consapevolezza e questa vigilanza. Senza di esse non ci si può dire né difensori della democrazia, né della libertà, né dei diritti, né men che meno antifascisti. E chiunque si dipinga in questo modo senza dimostrare questa consapevolezza è un patetico buffone.

Ora chiediamoci quando è scattata l’emergenza covid, a prescindere da ogni considerazione “tecnica” su virus, vaccini, efficacia delle misure non farmaceutiche, chi ha mostrato questa consapevolezza, chi ha adottato questo atteggiamento? Quali partiti? Quali istituzioni della società civile? Quali intellettuali? Quali giornali? Quali media? Quali sindacati? E così via… Ma soprattutto quanta parte dei cittadini italiani in generale?

La risposta a questa domanda ci dice quanti sono gli anti fascisti in Italia. Quanti di quelli che si definiscono tali, non lo sono affatto. E quale è la capacità di resistere del nostro paese. Ci dice quanto sono solide le basi della democrazia, su quale grado di consapevolezza essa poggi. E ci dice che pensare che il pericolo fascismo siano Salvini e Meloni significhi essere veramente fuori dalla realtà. Il pericolo fascismo, come ampiamente dimostrato, sono gli italiani, compresi quelli che si pensano anti fascisti, leggono i libri della Murgia, e votano Pd contro la Meloni, o probabilmente quelli più di tutti.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti