IL SOCIALISMO, LE TASSE E LA MOLTIPLICAZIONE DELLA POVERTÀ

DI JAVIER MILEI Le politiche di molti dei governi che non hanno apertamente adottato il socialismo reale hanno applicato diversi tipi di misure che sopraffanno i diritti di proprietà in modo tale che i politici possano appropriarsi di ogni beneficio. Pertanto, i profitti vengono confiscati da varie misure di controllo dei prezzi, con la scusa di fare un favore ai consumatori. Tali governi sostengono i sindacati nei loro sforzi di appropriazione, secondo un principio di capacità di pagare in base alla determinazione del salario, di una quota dei profitti dei datori di lavoro. Infine, cercano di confiscare, attraverso le imposte progressive sul reddito, attraverso le imposte speciali sulle società e le imposte sugli “eccessivi profitti”, una parte crescente dei profitti per finanziare i deliri messianici della società politica parassitaria. Appare dunque con chiarezza che, se queste politiche persisteranno, riusciranno presto ad azzerare completamente il profitto aziendale e quindi a disarticolare il coordinamento dell’economia. L’effetto finale di tutto questo sarebbe quindi la completa realizzazione del socialismo,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Denari