Il Veneto non se ne andrà dall’Italia. Ma l’Italia dal Veneto

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di ALESSANDRO TOSELLO Ormai è palese che lo stato italiano e quindi tutti gli esecutivi che si sono succeduti sino ad oggi  “tirano a campare”, governicchiano, ormai nell’impotenza più totale. I governi raccontano di fantasiose riforme liberali necessarie ed urgenti per l’economia, ma faticano ad introdurle. I partiti italiani, sia a destra, di centro, di sinistra che la Lega Nord si stanno disintegrando. Attorno a loro vi è un vuoto singolare. Ecco perché i veri movimenti Indipendentisti devono approfittarne devono imporsi anche con azioni forti. Le condizioni migliori per lo scoppio della tempesta perfetta stanno maturando. I tagli alla politica, Senato, e alle province sono bazzecole, poca cosa, appare quindi ovvio aspettarsi in un prossimo futuro qualche maxi-manovra. Di certo, come sempre, saranno le tasse a farla da padrona, nonostante l’aumento dell’IVA e la non rimozione dell’IMU, rimpiazzata dalla stangata TASI, gli aumenti delle accise sulla benzina per citarne alcuni, il tutto senza toccare la spesa pubblica, anzi. Prendiamo le previsioni di stima della nuova…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche Gli Indipendenti Il Meglio della Settimana