IL VENEZUELA COMUNISTA? IL PAESE CON MENO DIRITTI CIVILI AL MONDO

di MARIETTO CERNEAZ Quando i comunisti vi parlano di democrazia venezuelana, di legittimità di Maduro, di sol dell’avvenire del XXI secolo, sbattetegli in faccia qualche indice internazionale con i dati del fallimento economico chavista, ma soprattutto mostrategli quello relativo al posizionamento del Venezuela nella classifica degli Stati di diritto. Il Venezuela occupa l’ultimo posto nell’Indice dello Stato di Diritto elaborato dal World Justice Project tra 126 paesi del mondo, un indice che analizza e valuta aspetti quali i limiti del potere governativo, l’assenza di corruzione, l’apertura del governo, i diritti fondamentali, l’ordine e la sicurezza, la giustizia civile e la giustizia penale. L’elenco è guidato dalla Danimarca, seguita da Norvegia, Finlandia, Svezia e Paesi Bassi. Le nazioni in fondo alla tabella, invece, sono addirittura peggiorate rispetto alla misura fatta lo scorso anno, che nel 2018 comprendeva 113 paesi (quest’anno 126). Oltre al Venezuela, che per il secondo anno consecutivo occupa l’ultima posizione nell’indice, c’è la Cambogia (125), la Repubblica Democratica del Congo (124), l’Afghanistan (123) e…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo