INDIPENDENZA: IL NEO PRESIDENTE CATALANO CHIEDE INTERLOCUZIONE CON L’UE

di REDAZIONE

La Catalogna “è un paese europeo” e bisogna “dar voce ai cittadini affinché possano esercitare la loro volontà politica e decidere del loro futuro e dell’indipendenza dalla Spagna”.

Lo ha affermato oggi il presidente ad interim della Catalogna, Pere Aragones, rivolgendosi alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, presente alla Conferenza dei presidenti delle regioni per discutere dell’utilizzo delle risorse del Fondo per la ripresa dell’Unione europea destinati alla Spagna.

Nel corso del suo intervento Aragones ha chiesto una “interlocuzione diretta con la Commissione Europea” ed un “referendum per l’autodeterminazione”, secondo le fonti presenti alla riunione riportate dal quotidiano “El Mundo”, lamentando, inoltre, l’ingiusta sospensione per un anno e mezzo dai pubblici uffici dell’ex presidente, Quim Torra, condannato dalla Corte suprema spagnola per “disobbedienza”. Aragones ha poi aggiunto che il governo catalano è “molto impegnato nel progetto europeo” e che la sua aspirazione è “rendere possibile la nostra partecipazione a questo progetto con la nostra voce, come fanno gli altri Stati membri”.

(Agenzia Nova)

Rubriche FuoriDalMondo