mercoledì, Settembre 22, 2021
22.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Inghilterra, Danimarca, Svezia indicano la strada contro il “Marchio verde”

Da leggere

di EUGENIO CAPOZZI

L’annuncio che Boris Johnson intende archiviare definitivamente (si spera) l”emergenza” Covid, dicendo basta a lockdown e distanziamenti e rinunciando anche ad un limitato uso di lasciapassare vaccinale per locali notturni, spettacoli, concerti è una notizia di capitale importanza per tutta l’Europa.

La “normalizzazione” della lotta al virus, già saldamente avviata nei paesi scandinavi, in Russia e Bielorussia, in Olanda trova un rafforzamento fondamentale in un paese che ha a lungo oscillato tra una gestione realistica del problema e una deriva emergenzialista molto marcata. E delegittima totalmente la strategia del “green pass” adottata dai governi francese e italiano, l’ossessione dell’obbligo vaccinale manifestata dall’esecutivo Draghi, e la perdurante pressione emergenzialistica ai limiti del paranoico a cui assistiamo ancora oggi nel nostro paese.

La Gran Bretagna ha oggi una percentuale di popolazione vaccinata quasi uguale a Francia e Italia, è stata investita con particolare veemenza dai contagi della “variante Delta” e conta nelle ultime settimane un numero di casi, di ricoveri e di morti superiore ad entrambe.

Se in quel paese si sceglie finalmente di “sbloccare” la società confidando che vaccini e terapie adeguate rappresentino una protezione sufficiente contro possibili situazioni di allarme, anche nel caso di una prevedibile crescita autunnale delle infezioni respiratorie virali, quale giustificazione può avere ancora la drammatizzazione – illiberale e distruttiva sul piano socio-economico – su cui insistono i governi francese e italiano?

La fissazione della tessera verde appare in tutta la sua ridicola inutilità ricattatoria. E l’inseguimento affannoso di quote sempre più alte di vaccinati nel miraggio di una totale immunizzazione, strutturalmente impossibile per la natura del virus, appare come l’inganno illusorio e pericoloso, per la rovinosa rottura della fiducia tra istituzioni e cittadini, per il folle incitamento all’odio verso capri espiatori che è.

Il re è nudo, e se in Italia ancora a qualcuno può sembrare vestito è solo per il perdurante unanimismo servile dei media, e per l’arrendevolezza di settori della società e dell’economia che non avrebbero mai dovuto permettere che si arrivasse a questo imbarazzante punto.

Nel Regno Unito un’influsso decisivo sulla rinuncia governativa al green pass e sulla svolta verso la normalizzazione è stato svolto dalla protesta bipartisan di gran parte della Camera dei Comuni, che rifletteva la preoccupazione e l’insofferenza di gran parte dell’elettorato. Il confronto con la acquiescenza quasi totale di parlamentari, partiti, sindacati, associazioni imprenditoriali a cui assistiamo in Italia è imbarazzante e vergognoso per noi. E dovrebbe insegnarci qualcosa su come funziona il dibattito politico dove i valori fondanti della democrazia sono profondamente radicati.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!