mercoledì, Agosto 17, 2022
24.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Josh Guetzkow: terribili effetti avversi rilevati in Israele dopo il “Booster” Pfizer

Da leggere

di MARIETTO CERNEAZ

Josh Guetzkow è “senior lecturer in the Department of Sociology & Anthropology and the Institute of Criminology” della Hebrew University of Jerusalem. In un suo articolo, riporta i dati del Ministero, che ha fatto una verifica su circa 2000 persone dopo 3/4 settimane dalla terza dose del farmaco, cosiddetto vaccino, della Pfizer. I risultati sono impressionanti.

Lo 0,5% delle persone ha riferito di essere stato ricoverato a causa di un evento avverso che hanno subito. Non solo in pronto soccorso, ma sono stati effettivamente ricoverati. Pensate che questo dato sia incredibilmente alto? Leggete quanto sotto, i numeri sono del Ministero della Sanità israeliano, ricordando che Israele ha somministrato circa 4,5 milioni di dosi di richiamo finora, col risultato di ben oltre 22.000 ricoveri. Più di 92 milioni di dosi di richiamo, invece, sono state distribuite negli Stati Uniti, il che equivale a 460.000 ricoveri. Di che tipo?

Il 29% ha riferito di aver avuto difficoltà a svolgere le attività quotidiane a causa dell’evento avverso. Questo è il 44% del 66,4% del campione che ha riportato almeno un evento avverso. Come riporta il VAERS, le donne sono state le più propense a segnalare il danno rispetto agli uomini (75% vs 58%) e anche più propense a segnalare difficoltà nelle attività quotidiane (51% vs 35%).

Il 4,5% degli intervistati ha riportato problemi neurologici (di nuovo, più donne che uomini), tra cui:

  • Paralisi di Bell (0,5%)
  • Visione offuscata o disturbata (0,5%)
  • Attacchi/Convulsioni (0,15%)
  • Perdita di coscienza (0,2%)

Il 16% di questi problemi neurologici si è verificato entro un’ora dalla vaccinazione, un ulteriore 27% entro 24 ore, e il 47% era in corso al momento del sondaggio 3-4 settimane dopo la vaccinazione. Negli Stati Uniti, questo si traduce in 460.000 casi di paralisi di Bell e visione offuscata o disturbata, 135.000 convulsioni e 180.000 persone che perdono conoscenza.

Avete mai sentito parlare di un vaccino che è associato a convulsioni nello 0,15% degli adulti che lo prendono, per non parlare del fatto che lo pseudo-vaccino sia obbligatorio per molti college e posti di lavoro?

Circa il 25% delle persone con preesistenti disturbi auto-immuni, depressione o ansia hanno riportato un peggioramento dei loro sintomi dopo il richiamo. Dal 5 al 10 per cento delle persone con diabete, ipertensione e malattie polmonari e cardiache hanno anche riportato un peggioramento della loro condizione.

Quasi il 10% delle donne sotto i 54 anni ha avuto interruzioni del ciclo mestruale dopo il richiamo (apparentemente non hanno chiesto alle donne sopra questa età). Circa la metà di queste donne ha riferito che i problemi persistevano al momento dell’intervista di follow-up, da 10-16 settimane dopo la vaccinazione. Di queste, il 31% ha subito un trattamento medico come risultato e il 9% era in cura.

In particolare, il 39% di queste donne ha riportato disturbi simili dopo le dosi precedenti, di cui 1/3 (che è un po’ più del 6% di tutte le donne sotto i 54 anni) stava ancora sperimentando sintomi al momento della terza dose. Dato che la stragrande maggioranza degli israeliani vaccinati erano “completamente vaccinati” entro la fine di marzo e la campagna di richiamo per quel gruppo di età non è entrata a pieno ritmo fino alla fine di agosto, ciò significa che queste donne stavano probabilmente sperimentando questi sintomi da circa 4 mesi.

Per approfondire e vedere i dettagli dell’inchiesta, clicca qui.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti