LA BOLLA CINESE RISULTA 3 VOLTE PIÙ GRANDE DI QUELLA AMERICANA

di ALEKSANDER AUTINA Hyman Minsky[1] è stato un economista statunitense noto soprattutto per i suoi studi focalizzati sulle cause delle crisi finanziarie. Allievo di Joseph Schumpeter, egli sviluppò la cosiddetta “ipotesi di instabilità finanziaria”, la quale sostiene come lunghi periodi stabilità siano la premessa per future crisi. In particolare i suoi lavori analizzano il ciclo del credito suddividendolo in tre fasi[2]: Fase finanziaria “hedge”: famiglie e aziende contano sui futuri flussi di cassa per ripagare il capitale preso a prestito e i relativi interessi; Fase finanziaria “speculativa”: i debitori continuano a contare sui flussi di cassa attesi, ma solo per pagare la quota interessi e non quella capitale; Fase finanziaria “Ponzi”: i flussi di cassa attesi non sono sufficienti a coprire nemmeno la quota interessi e l’intero montante potrà essere ripagato soltanto con ulteriori indebitamenti. Secondo una nota compagnia di asset management americana attualmente la Cina si trova ormai nella parte conclusiva della fase 3, il cosiddetto “momento Minsky”, quando le probabilità di una crisi…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Rubriche Denari