mercoledì, Agosto 17, 2022
24.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

La Scozia torna all’attacco: referendum per l’indipendenza il 23 ottobre 2023

Da leggere

di REDAZIONE

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha lanciato una nuova campagna per l’indipendenza scozzese. Il primo ministro in una conferenza stampa ha svelato il primo di una serie di nuoi documenti che illustrano le ragioni per il cambiamento Il primo testo si intitola: “Più ricca, più felice, più giusta: perché non Scozia”?

Il governo scozzese della ‘First Minister’ Nicola Sturgeon propone dunque un nuovo referendum sull’indipendenza della Scozia dal Regno unito da tenersi il 23 ottobre del 2023. E per evitare strascichi giudiziari che distolgano l’attenzione da un dibattito sul vero obiettivo, vale a dire dall’indipendenza, il governo ha inviato sin da ora la sua proposta alla Corte suprema britannica.

Questo documento – scrive la Sturgeon – presenta un’analisi dettagliata della performance del Regno Unito attraverso una serie di indicatori economici e sociali rispetto a quella di dieci paesi europei. È il primo della serie “Building a new Scotland”, incentrato sull’indipendenza.

Dal maggio dello scorso anno, il parlamento scozzese ha avuto una netta maggioranza di deputati favorevoli all’indipendenza e impegnati a dare al popolo scozzese tale scelta in un referendum. Il governo scozzese è determinato a far sì che la scelta che le persone faranno sull’indipendenza sia informata.

A tal fine, questo è il primo di una serie di documenti Building a New Scotland progettati per contribuire a un dibattito completo, franco e costruttivo sul futuro della Scozia.

L’indipendenza di per sé non garantisce il successo di nessun paese. Per la Scozia, l’aspirazione a un paese più ricco, più equo e di successo dipenderà dalle decisioni democratiche prese dopo l’indipendenza e dalla buona amministrazione dei governi eletti.

Ma il punto è questo: in una Scozia indipendente, il potere decisionale cruciale spetterà alle persone che vivono qui, non ai governi di Westminster che non hanno il sostegno delle persone in Scozia e che perseguono politiche, ad esempio la Brexit, che sono profondamente dannosi per gli interessi della Scozia.

Oltre a esporre il punto di vista del governo scozzese sulle opportunità di indipendenza e su come i maggiori poteri che essa comporta potrebbero essere utilizzati per rendere la Scozia più ricca, più felice e più giusta (riconoscendo che altri avranno idee diverse e ugualmente valide), questa serie di documenti risponderà a domande chiave sulla transizione verso l’indipendenza e le infrastrutture che saranno necessarie per l’efficace governance di un paese indipendente.

Naturalmente, per quanto riguarda quest’ultimo punto, vale la pena notare che la Scozia ha già fatto molta strada dal 2014. Negli anni successivi all’ultimo referendum è stato fatto un grande lavoro di costruzione della nazione. Ad esempio, in Revenue Scotland, ora abbiamo la nostra agenzia fiscale e in Social Security Scotland, la nostra agenzia di sicurezza sociale. Abbiamo anche la Scottish Fiscal Commission indipendente e la Scottish National Investment Bank. In altre parole, sono ora disponibili parti sostanziali dell’infrastruttura istituzionale di cui un paese indipendente avrebbe bisogno e che non esistevano nel 2014.

La serie di documenti che sarà pubblicata nei prossimi mesi definirà i dettagli su tutte le questioni chiave su cui le persone vorranno essere informate. Tuttavia, ogni ipotesi di cambiamento deve inevitabilmente iniziare con un’analisi dello ‘status quo’.

La posizione della Scozia come parte del Regno Unito ci ha permesso di raggiungere il nostro pieno potenziale e lo farà in futuro, soprattutto ora che il Regno Unito è fuori dall’UE? L’analisi presentata in questo documento, confrontando la performance economica e sociale del Regno Unito (e quindi la Scozia al suo interno) con un certo numero di paesi di confronto suggerisce – in modo schiacciante – che i paesi indipendenti delle dimensioni della Scozia se la cavano meglio.

Ciò pone domande fondamentali per tutti coloro che hanno la più alta ambizione per la Scozia. Perché i paesi indipendenti vicini delle dimensioni della Scozia sono più ricchi, più felici e più equi del Regno Unito? Perché loro, e in effetti altri paesi dell’Europa nord-occidentale, indipendentemente dalle dimensioni, spesso superano il Regno Unito in una serie di misure chiave che determinano il benessere? E, fondamentalmente, se questi paesi possono avere successo, perché non una Scozia indipendente, data l’abbondanza di talento, risorse e vantaggi naturali che possediamo?

Dalle prove contenute in questo documento sembra chiaro che lo status quo non consente alla Scozia di realizzare il nostro potenziale e che il modello economico del Regno Unito e il processo decisionale di Westminster ci stanno trattenendo.

Ne consegue che se lo status quo non funziona, dovremmo chiederci come risolverlo al meglio. È difficile concepire che far parte di un Regno Unito al di fuori dell’UE – e con un governo del Regno Unito che agisce per limitare, non espandere, l’autonomia economica del nostro Parlamento – aiuterà la Scozia a colmare le lacune in termini di prestazioni qui delineate.

Ciò che questo – e i documenti che seguono – cercheranno di fare è dimostrare che diventare un paese indipendente, forgiando una stretta e costruttiva partnership con il resto del Regno Unito e con i nostri concittadini europei, può e aiuterà la Scozia a eguagliare le prestazioni di i nostri vicini e realizzare il nostro potenziale.

Questa non è una questione astratta: riguarda la prosperità, i guadagni, le opportunità e il benessere di tutti in Scozia, ora e per le generazioni a venire. Siamo un paese brillante sotto molti aspetti, ma uno sguardo a molti dei nostri vicini europei ci dice che possiamo fare di meglio. Questo dovrebbe eccitarci e ispirarci. Ma prima dobbiamo dotarci dei poteri di indipendenza che già possiedono.

In questo primo documento, il governo scozzese presenta prove chiave a sostegno del dibattito informato e inclusivo che le persone in Scozia meritano. Non vediamo l’ora di ascoltare le opinioni degli altri mentre lavoriamo insieme per costruire la migliore Scozia che sappiamo essere possibile. (Fonte: Askanews)

VIDEO

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. Fino all’ultimo non smetterò di crederci, ma soprattutto per il Veneto.
    Si attende un collasso generale. Meglio mettersi al riparo prima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti