LA VENEZIA AUSTRIACA VISTA DALL’AUSTRIA, UN’ALTRA STORIA

di PAOLO L. BERNARDINI Imbevuti fin da fanciulli della bieca rettorica risorgimentalistica, cresciuti a pane e tricolore, raramente gli italiani – coloro che conservano un minimo di decenza culturale, che leggono ancora qualcosa che non sia la pubblicità in cassetta degli sconti ai supermercati – si interessano alla loro propria storia vista da altre prospettive. I servi del progetto cavouriano, tutti protetti dalle loro cattedre e dalle redazioni delle case editrici e dei giornali principali, eterodirette tutte (cattedre e redazioni) dalle segreterie di partito, hanno oscurato schiere di storici italiani valentissimi che hanno per un secolo almeno dimostrato (da prospettive locali, cattoliche, neoborboniche, neolorenesi, veneto-indipendentistiche, e altre, perfino valdostane) quanto disastroso sia stato il risorgimento nelle sue procedure, nei suoi esiti, nella lunga durata. Fino ad ora. Ma nella vicina, confinante Austria, dove il reddito medio è molto più alto di quello italiano e così la qualità della vita, e così il livello dell’istruzione, e la costituzione stessa (“la più bella del mondo” l’italica solo…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche CronacheVere