giovedì, Aprile 18, 2024
11 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Le tasse si abbassano quando tutti pagano meno

Da leggere

TROPPE-TASSEdi MATTEO CORSINI

“Mi sembra di poter dire che tutti riconoscono lo sforzo che questo Governo sta facendo, ma che ancora non basti”.
Tra i governanti, un po’ ovunque, c’è chi fa interventi televisivi interminabili, chi si fa intervistare alla radio, chi scrive su giornali e social network. Matteo Renzi fa tutto quanto, prediligendo intervistatori accomodanti (e in questo è in buona compagnia) e la comunicazione diretta con i cittadini.

Con cadenza settimanale, Renzi fa conoscere il suo pensiero su varie tematiche tramite la Enews, un buon mezzo per martellare nella testa della gente delle cose dette e stradette a ripetizione, con goebbelsiana perseveranza. Suppongo che sia convinto che, a forza di ripetere che ha abbassato le tasse, tutti quanti finiscano per credere che sia vero. Lo sforzo al quale si riferisce nelle parole che ho riportato è proprio quello relativo alla riduzione delle tasse.

Ebbene, io non so quanti ci credano, ma sono sicuro che non siano “tutti”, non fosse altro per il fatto che io non ci credo, per esperienza personale. E non credo di essere il solo se, come pare, anche una discreta quantità di beneficiari dei tanto strombazzati 80 euro ha dovuto restituire una parte di quei soldi al fisco. Le tasse calano se tutti ne pagano meno, non se Tizio paga meno, Caio paga lo stesso di prima e Sempronio paga più di prima. Ciò potrà essere fastidioso per Renzi, che preferisce considerare solo Tizio. Ma ci sono anche tanti Caio e Sempronio, che finora hanno solo visto lo sforzo di Renzi per accaparrarsi il consenso di Tizio.

Correlati

2 COMMENTS

  1. se il debito pubblico continua a salite vertiginosamente è evidente che le tasse non caleranno mai è invece ora che usando parole straniere prendono per i fondelli TUTTI perchè se chiamassero le cose con il nome italico e cioè revisione della spesa anche i più tonti arriverebbero a capire che gli sprechi ENORMI che ci sono nel pubblico non sono nemmeno sfiorati pena la perdita della cadrega alla quale sono così ossessionati per il bene (del proprio culo) degli italiani non osano toccarlo e questo vale per TUTTI i politici tranne BERLUSCONI che le riforme le voleva fare ma si è trovato contro tanto gli alleati che gli oppositori e ora tocchiamo il fondo

  2. Non può certo affermare la realtà dei fatti.
    Che le cose stanno peggiorando e che la gente è in affanno e in difficoltà.
    Ma la gente se lo merita di stare male e di trovarsi con meno soldi.
    Basta guardare come regolarmente aumentino gli introiti fiscali.
    Si vede che ce n’è ancora per sfamare parzialmente le voraci casse pubbliche.
    Avanti così, allora.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti