domenica, Settembre 25, 2022
13.8 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Mica è regeni! l’hanno massacrato in venezuela, quindi nessuno ne parla

Da leggere

FRANCESCOANTONIOdi FABIO CINTOLESI

Chi è questo qua? Questo ragazzo si chiama (anzi, si chiamava) Matteo Di Francescoantonio ed era originario della provincia di Pescara. L’altro giorno è stato ammazzato in Venezuela, brutalmente assassinato, forse per rapina. Per lui nessun servizio sui TG; nessuno striscione con scritto “Verità per Di Francescoantonio”.

Capita che tutti o quasi si dimentichino, se sei il figlio di un fornaio abruzzese e desideravi raggiungere la madre, venezuelana, e il fratello, che vivevano là. Capita se non sei un dottorando della London School of Economics, se non sei politicamente impegnato. Capita se non scrivi per un quotidiano comunista della sinistra radical chic.

Capita se sei un capocantiere che viene rapito in Libia (ma almeno si ricordano di te quando ti ammazzano). Capita se vieni ammazzato in un Paese, il Venezuela, portato ad esempio da tanti giornalisti e politici italiani. Intendiamoci, mi spiace per la fine di Giulio Regeni. Ma il risalto dato alla sua morte, in contrasto con il silenzio per quella di un altro ragazzo italiano in America Latina, mette in luce tutto il classismo e lo strabismo ideologico di quasi tutto il giornalismo italiano.

Perché Matteo è stato dimenticato? Perché non si può dire che nel giro di 10 giorni in Venezuela sono morti assassinati due ragazzi italo-venezuelani, originari dell’Abruzzo. Perché non si può dire che il Venezuela è il paese, dopo l’Honduras, con il più alto tasso di omicidi al mondo: 53,7 ogni 100mila abitanti (negli USA è 3,8, in Italia 0,9).

Perché non si possono mettere in dubbio le conquiste socialiste del grande presidente Chavez e del suo successore Maduro. Perché non si può dire che in Venezuela è vietato ai privati il possesso delle armi. Perché non si può dire che nella patria del socialismo bolivariano la violenza di strada ha provocato l’anno scorso la morte di 28mila persone; più di un guerra.

Perché quando l’ideologia perde il contatto con i fatti, meglio far sparire le notizie non allineate, piuttosto che affrontare la realtà.

Infine, è rimasto inascoltato l’appello della madre di Matteo che aveva chiesto di poter seppellire il figlio in Italia, vicino al padre. Nemmeno i funerali per il giovane abruzzese ucciso con tre colpi di pistola martedì scorso, in Venezuela. La madre di Matteo, potrà riavere il corpo del figlio solo tra 5 anni.

- Advertisement -

Correlati

9 COMMENTS

  1. se date 100 Euro alla morgue sicuramente vi danno la salma…cosi funziona qua…100 euro sono molti soldi per l inflazione.

  2. Siamo tutti diventati FBI Profiler davanti allo schermo e poi non sappiamo distinguere una [email protected] da un paio di mutande.
    Il delitto Regeni è un caso di spionaggio volutamente riportato ed amplificato per coprire ben altro che nessuno e niente verrà mai a spifferarti nelle bugiarde pieghe della rete.
    Il povero teenager abruzzese solo uno dei tanti sfigati colpevole solo di aver scelto di fuggire dalla malavita nostrana oramai politica e manageriale per rifugiarsi in un paese dove si muore più di piombo che di cancro senza pensione.
    Sveglia gente nel medioevo 2.0 ci siamo già tutti dentro fino al collo.

  3. Qui in Brasile uguale, all’anno più morti ammazzati che in una guerra… La sfiga è random e le pallottole vaganti pure. Ma cosa ci venite a fare in Sudamerica che è un inferno?!

  4. Questo discorso si potrebbe fare per tanti avvenimenti riportati dai mass media..
    Da qui a immaginare un complotto politico mi sembra esagerato….
    Regeni non è stato semplicemente ucciso, è stato torturato…si presume che sapesse qualcosa che doveva rimanere segreto…probabilmente sono coinvolti i servizi segreti egiziani, quindi un organo statale….tutto questo in Venezuela non c’è stato…
    Che il Venezuela sia un paese pericoloso si sa benissimo, quindi non mi pare che ce l’abbiano nascosto…..
    Si poteva benissimo riportare la notizia senza fare paragoni inutili…..

    • a) Nessuno immagina complotti. Ha letto la parola “complotto”?
      b) Il coinvolgimento dfei servizi segreti egiziani è un’ipotesi per adesso senza alcuna prova a sostegno.
      c) Il comportamento della polizia venezuelana è alquanto strano, dato che non ha permesso alla madre di riportare la salma in Italia, prima di 5 anni. Ci fosse stato un giornalista che avesse chiesto il perchè.
      d) I paragoni tra la morte di questo ragazzo e il caso Regeni nascono proprio perchè nessun organo di informazione (tranne il Miglioverde e un quotidiano locale) ha avuto il garbo di riportare la notizia.

      • Nei casi di omicidio non viene concessa l’esportazione del cadavere per 5 anni, per poter effettuare eventuali riesumazioni e nuove autopsie nel caso fosse deciso dai giudici nel corso delle indagini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti