NEL MARE DELLA GLOBALIZZAZIONE SONO I PICCOLI STATI QUELLI VINCENTI

di ALESSIO PIANA L’episodio della sparatoria a Macerata apre una riflessione sulle responsabilità delle istituzioni politiche, i limiti dello Stato e un suo possibile superamento verso altre forme di organizzazione della società.  Il gesto dell’uomo che ha sparato agli extracomunitari è e resta assolutamente ingiustificabile. Tuttavia ci si può chiedere se gesti violenti come questi non siano anche la conseguenza di scelte irresponsabili delle autorità politiche, che da anni perseguono un progetto di immigrazione forzata. Non conosco sondaggi al riguardo, ma mi sembra di poter dire che questa integrazione forzata viene imposta dalle autorità contro la volontà della gente. Se è così, allora non è vero che il popolo detiene il potere sovrano, perché non è in grado di indirizzare le scelte politiche dei governanti. Piuttosto è costretto a subirle senza poterci fare niente. Realizzare scelte politiche che lacerano il tessuto sociale è forse nell’interesse dei cittadini? La casta politica risponde al popolo, oppure ad interessi di altra origine, non dichiarati pubblicamente? E il populismo…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero